Apertura nuova sede diventata farmacia rurale, è possibile?

Apertura nuova sede diventata farmacia rurale, è possibile?

0
0

La mia domanda è relativa alla seguente situazione: farmacia di nuova istituzione (Concorso straordinario) sede cittadina, ma il comune non identifica bene la pianta organica indicando solo la zona: la farmacia riceve autorizzazione per aprire oltre i confini cittadini, in un paese (sempre nello stesso comune) di 2000 abitanti con presente già una farmacia rurale sussidiata (la distanza tra le due farmacie è di 1,5 km).
A un anno di distanza la nuova farmacia diventa rurale: è possibile data la distanza tra le due farmacie rurali?

Marcato come spam
Chiesta: 7 Marzo 2017 20:34
246 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

La risposta è semplice.
La ruralità o meno della farmacia non incide sul limite di distanza da rispettare tra gli esercizi – rurali o urbani che siano a loro volta – se non quando una e/o l’altra delle farmacie sia stata istituita con il criterio topografico ai sensi dell’art. 104 TU. e risulti tuttora soprannumeraria, quindi non riassorbita nella p.o.
Nel Suo caso, dunque, la distanza legale tra le due farmacie rurali è quella di 200 m, anche se può sorprendere che il secondo esercizio sia stato ubicato nello stesso centro abitato dell’altro.

* * *

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Riscontriamo il Suo quesito, riservandoci di pubblicare domanda e risposta sul sito http://www.sediva.it e sulla pagina Facebook “Sediva”.

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 7 Marzo 2017 20:34

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.