Accatastamento locali farmacia va fatta prima o dopo la stipula del contratto?

Accatastamento locali farmacia va fatta prima o dopo la stipula del contratto?

0
0

In un piccolo comune lombardo, come vincitori di sede al concorso straordinario, abbiamo trovato dei locali di proprietà del comune precedentemente adibiti ad asilo ed accatastati come b5, che il comune è disposto a concederci in locazione.
Volevo chiedere se la variazione di destinazione d’uso catastale (da b5 a c1) va fatta prima della stipula del contratto o dopo la stipula dello stesso e i lavori di adeguamento della struttura. Quali costi dovremmo sostenere per questo? Grazie per la risposta

Marcato come spam
Chiesta: 6 Maggio 2017 15:36
930 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Le modifiche necessarie affinché il locale acquisisca le caratteristiche strutturali-igienico-sanitarie indispensabili per l’ottenimento del provvedimento di apertura della farmacia ed i relativi adempimenti – tra cui evidentemente la variazione d’uso catastale – dovrebbero a rigore essere eseguiti dal comune-proprietario prima della stipula del contratto di locazione.
Gli interventi, tuttavia, potrebbero essere anche realizzati dalla farmacia conduttrice a sue spese (e, quindi, a contratto già “in corsa”) a condizione che ciò sia oggetto di un’espressa previsione contrattuale in tal senso che, d’altra parte, consentirebbe alla farmacia la deducibilità fiscale di quelle spese dal proprio bilancio; deducibilità che, diversamente, potrebbe essere contestata in caso di controlli dato che la normativa civilistica (art. 1576 c.c.) pone a carico del conduttore le sole spese di manutenzione ordinaria facendo carico tutte le altre spese al locatore.
Naturalmente, qualora sia la farmacia ad assumersi l’onere delle opere in discorso sarebbe opportuno che concordasse con il proprietario una qualche forma di remunerazione dei relativi oneri – perché al termine della locazione le opere resterebbero infatti acquisite dal comune-proprietario dell’immobile – come, ad esempio, una misura ridotta del canone di locazione per tutto o in parte il periodo di durata del rapporto.

* * *

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 6 Maggio 2017 15:37

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.