Apertura farmacia vinta a concorso, è obbligatorio essere in uno stato di inoccupazione?

Apertura farmacia vinta a concorso, è obbligatorio essere in uno stato di inoccupazione?

0
0

La domanda che vorrei porvi riguarda il concorso straordinario per l’apertura di nuove farmacie. Come ben noto le tempistiche di tutti i concorsi regionali si sono allungate rispetto a quelle prospettate dalla legge varata dall’allora premier Mario Monti, poiché in ogni regione ci sono stati e continuano ad esserci tantissimi ricorsi. Attualmente in Emilia Romagna è finita la fase dell’interpello e dell’accettazione da parte dei candidati, pertanto si rimane in attesa della delibera Regionale e della PEC che ufficialmente assegni al/ai candidato/i la titolarità della Farmacia.
Poiché sono ancora in ballo ricorsi al TAR da parte di candidati esclusi con richieste di sospensiva di tutta la procedura al Consiglio di Stato, per i concorrenti idonei che hanno accettato la sede si pone il problema del momento opportuno e comunque obbligatorio per rassegnare le dimissioni dall’attuale datore di lavoro. Eventuali sospensive, se accolte dal Consiglio di Stato, avrebbero effetto fino al giorno prima dell’apertura farmacia nuova? E da quando per legge è obbligatorio essere in uno stato di inoccupazione? All’accettazione della titolarità o anche un giorno prima di aprire la farmacia?.
Il problema è reale poiché molti di noi potrebbero rassegnare dimissioni dall’attuale datore di lavoro e rimanere successivamente disoccupati per il sopraggiungere di una sospensiva.

Marcato come spam
Chiesta: 18 Febbraio 2016 20:07
125 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Si tenga presente che la sospensiva non condiziona l’esito del merito. Può benissimo essere data la sospensiva all’atto impugnato e poi, con sentenza di merito, rigettare il ricorso. Sono quindi sicure solo le sedi per le quali il contenzioso è passato in giudicato. Per quanto riguarda la cessazione delle condizioni di incompatibilità (dimissioni comprese) è sufficiente che queste vengano meno prima del rilascio dell’autorizzazione all’esercizio della farmacia.

Cordiali saluti.

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 18 Febbraio 2016 20:10

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.