Apertura parafarmacia, devo pagare ENPAF per interno?

Apertura parafarmacia, devo pagare ENPAF per interno?

6
0

Mi é stato proposto di prendere in gestione la parafarmacia in cui lavoro. Darebbe preferibile aprirla come ditta individuale o in società? Dovrei pagare l’Enpaf per intero? Per quanto riguarda le tasse andrebbero pagate dal primo anno? A quanto ammontano più o meno?

Marcato come spam
Chiesta: 19 Aprile 2016 22:45
534 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Il problema principale è senz’altro quello dell’Enpaf. Se la parafarmacia è intestata ad un non farmacista oppure da una società in accomandita semplice (con, ad esempio, socio accomandatario non farmacista) i soci accomandanti possono essere assunti come dipendenti e quindi godere della possibilità di ridurre il contributo annuale secondo le varie percentuali previste. Se però titolare in ditta individuale è farmacista, questo deve pagare la quota intera. Altrettanto vale per i soci farmacisti in una società in nome collettivo o in srl. Per le “tasse”, se intende quelle sul reddito, vanno pagate in base alla dichiarazione dei redditi con possibilità di ammortizzare l’eventuale diritto di avviamento pagato al cedente.

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 6 Giugno 2016 12:40

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.