Concorso straordinario e nuove sedi, esistono criteri per stabilire che possono non essere sostenibili economicamente?

Concorso straordinario e nuove sedi, esistono criteri per stabilire che possono non essere sostenibili economicamente?

1
0

La recente sentenza del Cds, sez. III, n. 5701 del 17/12/2015, riconferma l’esistenza dello strumento di pianificazione territoriale delle farmacie, la perimetrazione delle zone/sedi farmaceutiche. Nella sentenza risalta anche la necessità di “un embrione di nucleo residenziale” e si sottolinea a chiare lettere:”la finalità del potenziamento del servizio di distribuzione perseguita dal D.L. 1/2012 non elimina l’esigenza che le farmacie possano contare su un bacino di utenza che ne consenta la sopravvivenza in termini economici”. Un sistema di regole così ambigue e che spesso urtano frontalmente l’una contro l’altra, non può affatto perseguire l’interesse pubblico, ma generare sabbie mobili per farlo sprofondare. Un razionale sentimento di “liberalizzazione”, servirebbe ad eliminare tanta inefficienza e abusi di ogni genere. Oltre alla sentenza Cds di riferimento ce ne sono altre che richiamano la sostenibilità economica della farmacia nuova o vecchia già esistente che è garanzia ineludibile di servizio. Una rivista di farmacia, scrive:” Il fatturato della farmacia è garanzia di servizio”. Chiedo all’Esperto, le farmacie nuove del concorso, quelle non ancora aperte e le poche di prossima apertura, individuate con una via e le strade adiacenti (parere dell’Uff. Legislativo del Ministero alla Reg. Toscana del 21/03/2012) e che non hanno un perimetro, come entrano nell’assetto delle farmacie del Comune? Quale è il criterio per poter stabilire che una farmacia, con un lavoro “normale”, non è sostenibile economicamente? Quale è o quali sono i parametri di “sopravvivenza” di una farmacia di OGGI Cordiali saluti? Potito Salatto

Marcato come spam
Chiesta: 24 Gennaio 2016 11:38
248 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

1
Domanda Privata

Tutto l’impianto della nuova normativa è sicuramente contradditorio. Nonostante ciò cerco di rispondere ai suoi quesiti. Se una nuova sede è delimitata in modo generico questo dipende dal comune che ha trasmesso alla regione i dati relativi. Sarà quindi il comune a dovere individuare dei confini veri e propri anche andando a ridelimitare (riducendone l’area di competenza) le sedi già presenti prima della nuova normativa. Il fattore economico di sostenibilità dipende da vari parametri: i locali, le attrezzature, il personale e solo chi la gestisce sarà nelle condizioni di valutarne la sostenibilità economica. Parametri di sopravvivenza non ve ne sono ma sicuramente l’organizzazione della farmacia e i dati rilevanti sotto il profilo fiscale (studi di settore) possono essere utili alla valutazione.

Cordiali saluti

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 24 Gennaio 2016 11:39

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.