Concorso straordinario e zona di pertinenza modificata: quale è valida?

Concorso straordinario e zona di pertinenza modificata: quale è valida?

0
0

Sono un farmacista assegnatario, 2 mesi fa, di una Sede col Concorso Straordinario del 2012. Nel 2015, chiuso il Concorso, la Regione ha pubblicato la graduatoria. Successivamente, all’interpello, in base alla Zona di pertinenza del Bando (descritta ed indicata con mappa allegata al Bando stesso come deliberata dal Comune dove sarebbe stata aperta la nuova farmacia) ho accettato il Comune e la Sede. Ho trovato un locale che era visibilmente nell’ambito della Zona, ho iniziato le procedure per la locazione e per il progetto di arredo, ma sono appena venuto a sapere che il suddetto Comune, successivamente al Bando ed alla graduatoria, ha emesso una nuova Delibera che modifica la Zona di pertinenza. In modo per me assolutamente svantaggioso. È consentito che, successivamente alla chiusura del Concorso ed alla graduatoria, la Zona di pertinenza possa venire modificata rispetto a quella indicata nel Concorso stesso? Quale delle due Zone di pertinenza, definite anche con mappa, è valida?

Marcato come spam
Chiesta: 27 Giugno 2022 21:18
21 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

La giurisprudenza ha ormai definitivamente chiarito che il Comune può modificare i confini della zona istituita a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Crescitalia (l. 27/2012) e inserita nel bando del concorso straordinario, anche successivamente all’approvazione della graduatoria, ma prima della sua assegnazione all’esito di uno dei vari interpelli.

È dunque il provvedimento di assegnazione definitiva a costituire la linea di confine per la modifica della sede/zona, ferma la possibilità per l’assegnatario di contestare giudizialmente la delibera di Giunta che ha rettificato quei confini, poiché soltanto dalla data di assegnazione – ed entro i successivi 60 giorni in caso di ricorso al Tar o 120 giorni in caso di ricorso al Capo di Stato – il concorrente/assegnatario sarà legittimato attivamente a proporre l’impugnativa.

Nel caso che La riguarda, fermo il rimedio giurisdizionale, sempreché nei termini sopra precisati, la mappa della zona di pertinenza è senz’altro la seconda.

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 27 Giugno 2022 21:19

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.