Concorso straordinario, quale società migliore per non rispondere con patrimonio personale?

Concorso straordinario, quale società migliore per non rispondere con patrimonio personale?

0
0

Ho vinto il concorso straordinario farmacie insieme a due colleghi. Dopo l’apertura della farmacia avrò la possibilità di continuare la mia attività giornalistica con partita IVA che ho già ora come dipendente? Ora sto beneficiando della contribuzione ridotta ENPAF dal momento che quest’attività non è quella prevalente. Potrò mantenere la mia partita IVA e offrire anche consulenze come cosmetologa nella mia farmacia o in altri esercizi tipo erboristeria, negozi di estetica o altre farmacie? Qual è la forma societaria migliore per tre persone e soprattutto per non dover rispondere con i beni personali? Sarà sostenibile la farmacia per tre persone sono circa 2600 abitanti stimabili fino a 3500 con altri paesini vicini. Esistono forme di finanziamento agevolato per le farmacie di questo concorso?

Marcato come spam
Chiesta: 18 Novembre 2016 19:09
388 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Pur mancandomi l’elemento fondamentale e cioè quale è la regione, le rispondo nei limiti del possibile. Con esclusione della regione Emilia-Romagna dove la farmacia (in attesa di un responso del TAR) viene intestata congiuntamente ai vincitori, nelle altre regioni si applica l’art. 7 della legge 362/91 che prevede l’intestazione ad una società di persone (SAS o SNC). Se si trova in regione diversa dall’Emilia-Romagna la partecipazione ad una società di persone esclude qualsiasi rapporto di lavoro dipendente ma non inibisce l’attività libero-professionale. Come socia di società farmaceutica però dovrà pagare l’ENPAF per intero. Nelle società in accomandita semplice (SAS) il socio accomandatario risponde patrimonialmente anche con il patrimonio personale mentre i soci accomandanti rischiano solo il capitale versato alla società. Nella società in nome collettivo (SNC) tutti i soci rispondono in solido anche con il proprio patrimonio personale. Debbo ritenere che nel comune in cui avrà sede la farmacia questa sia unica. Potere contare su circa 3000 abitanti non è poco ma dipende molto da come la nuova sede si inserirà nel contesto del comune. Non conosco forme di finanziamento specifiche ma sicuramente le banche saranno interessate ad acquisire un cliente nuovo e promettente un buon risultato economico. Le segnalo anche Credifarma che è una finanziaria detenuta principalmente da Federfarma con il concorso di una banca.

Cordiali saluti

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 18 Novembre 2016 19:10

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.