Concorso straordinario: sono titolare di farmacia rurale, posso acquisire una quota di una farmacia urbana?

Concorso straordinario: sono titolare di farmacia rurale, posso acquisire una quota di una farmacia urbana?

0
0

Sono titolare di farmacia rurale sussidiata e ho partecipato a due concorsi in forma associata con altri due colleghi (uno disoccupato e l’altro, mio figlio, fa parte dell’impresa familiare con la mia farmacia rurale sussidiata).
Siamo rientrati in graduatoria in entrambe le regioni dove abbiamo presentato la nostra candidatura. Sono trascorsi quasi 3 anni dalla data in cui sono stati indetti i concorsi e per mio figlio si è presentata l’opportunità di acquisire delle quote societarie di una farmacia urbana.
Se questo avvenisse, noi perderemo forse la possibilità di assumere la titolarità della sede assegnataci?

Marcato come spam
Chiesta: 15 Settembre 2015 21:04
399 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Come abbiamo chiarito numerose volte, se un vincitore in forma associata acquisisce individualmente, dopo la pubblicazione della graduatoria, la quota di una società titolare di farmacia (urbana o rurale) – anche se nel Suo caso specifico comporterebbe la cessazione dell’impresa familiare in atto tra voi, essendo anch’essa incompatibile, ai sensi dell’art. 8 della l. 362/91, con la veste di socio – l’associazione di concorrenti vincitrice di cui fa parte non per questo viene esclusa dal concorso e/o dall’assegnazione, e dunque egli può legittimamente partecipare anche alla società formata con i covincitori.
Un impedimento all’acquisizione della quota deriverebbe per Suo figlio soltanto dall’accoglimento della tesi della “contitolarità”, sostenuta dalla famosa nota ministeriale, che tuttavia – per quanto ci riguarda – riteniamo del tutto priva di fondamento, e ancor più in una vicenda come questa.
Piuttosto, è la Sua posizione di titolare di farmacia in forma individuale che Le precluderebbe evidentemente la partecipazione alla società costituita con gli altri due covincitori, e pertanto sarà Lei a dover rinunciare, prima di formare la società, alla titolarità dell’esercizio.
(stefano lucidi)

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 15 Settembre 2015 21:05

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.