Concorso strordinario e scelta sedi sub judice, cosa accadrebbe se…?

Concorso strordinario e scelta sedi sub judice, cosa accadrebbe se…?

0
0

Sono iniziati gli interpelli nella regione Lazio. Il 26/02/2016 la regione ha reso note le sedi che attualmente sono ancora sub judice, specificando che tali sedi verranno assegnate al candidato che dichiarerà di accettarla sotto condizione risolutiva espressa correlata all’esito del giudizio pendente. Nel caso il ricorrente vincesse l’assegnazione della sede al vincitore decadrà automaticamente. Nel mio comune tutte le sedi attualmente risultano sub judice, il ricorrente chiede l’annullamento della delibera comunale relativa alla revisione della pianta organica. In particolare si appella perchè: “il comune ha provveduto a tale revisione piuttosto che la regione stessa; che il comune, qualora fosse considerato l’organo preposto, ha deliberato oltre la data indicata dalla regione, nonostante non fosse perentoria; che il comune ha assegnato parte del territorio del ricorrente ad una nuova sede a concorso, e che ha deliberato senza chiedere parere agli Organi consultivi.” A tal proposito vorrei sapere: se scegliessi tale sede e mi fosse assegnata, nel caso in cui il ricorrente vincesse, potrei essere soggetta ad una riduzione del territorio di appartenenza o addirittura alla decadenza della titolarità e conseguente chiusura della farmacia? In questo secondo caso verrei rimessa in graduatoria nei successivi interpelli? E se nell’attesa dei tempi legali tutte le sedi venissero assegnate?

Marcato come spam
Chiesta: 25 Marzo 2016 12:29
336 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Sicuramente, in caso di vittoria del ricorrente, la sede verrebbe stralciata e l’assegnatario rimarrebbe privo di assegnazione per decadenza come segnalato nella delibera di interpello.
Il motivi del ricorso però mi sembrano, tranne uno, molto deboli e mi sento di dire che non credo che saranno presi in considerazione dal Tar. La mancata richiesta dei pareri può essere invece un vizio grave. Non tanto se i pareri fossero stati chiesti e mai pervenuti, ma per il fatto stesso che si tratta di pareri obbligatori anche se non vincolanti.
Da ricordare che, se il ricorso è al Tar, comune e ricorrente potrebbero impugnare la sentenza presentando appello al Consiglio di stato. In tal caso lei dovrebbe costituirsi quale parte interessata qualora la sede le fosse stata assegnata, per quanto sub judice.

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 25 Marzo 2016 12:30

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.