Destinazione d’uso locali farmacia, può essere sanitaria e non commerciale?

Destinazione d’uso locali farmacia, può essere sanitaria e non commerciale?

1
0

La sede di una farmacia può essere aperta in locali con destinazione d’uso sanitaria e non commerciale?

Marcato come spam
Chiesta: 23 Ottobre 2016 23:00
1079 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

La destinazione d’uso sanitaria potrebbe essere quella individuata nella categoria D/4 (case di cura e ospedali con fine di lucro) oppure quella più generale A/10 (studi professionali e uffici), ma in ambedue le eventualità i locali non sarebbero idonei all’esercizio della farmacia, che – essendo evidentemente pur sempre un’attività commerciale – può essere svolta soltanto in unità immobiliari censite nella categoria C/1.
È in ogni caso possibile modificare la destinazione d’uso richiedendo la relativa autorizzazione al Comune, ma in tal caso è necessario affidarsi ad un professionista del settore per verificare la concreta fattibilità.

* * *

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 23 Ottobre 2016 23:00

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.