Farmacia SNC concorso straordinario, in che modo gestire compenso sugli utili?

Farmacia SNC concorso straordinario, in che modo gestire compenso sugli utili?

0
0

Siamo tre soci vincitori di una sede farmaceutica in Modena, siccome abbiamo scelto una Snc per la gestione della stessa, mi domandavo come poter retribuire un compenso aggiuntivo agli utili nel caso ci sia un unico socio lavoratore e se l’incompatibilità tra titolarità e lavoro dipendente scatti anche nel caso in cui il socio abbia un contratto di lavoro subordinato dalla stessa società cui appartiene?

Marcato come spam
Chiesta: 21 Luglio 2016 17:13
1528 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

La retribuzione dell’unico socio lavoratore, come da Lei definito, potrà essere prevista nell’atto costitutivo/statuto, cosicchè gli utili da distribuire tra i tre soci al termine di ogni esercizio dovranno essere conteggiati al netto di quel compenso.
Dal punto di vista fiscale, tuttavia, tale somma non è deducibile perché non rientra – appunto sotto l’aspetto tributario – tra i costi di esercizio e quindi, sempre fiscalmente, gli utili saranno attribuiti ai tre soci nella misura di un terzo per ciascuno al lordo del compenso (e su tale importo ognuno pagherà l’Irpef di propria spettanza), mentre la liquidazione materiale degli utili avverrà, come detto, al netto di quell’importo.
Quanto all’incompatibilità tra la posizione di socio e quella di dipendente della stessa società, in una snc i soci non possono figurare come dipendenti (men che meno se si tratta addirittura di soci amministratori, che finirebbero per essere dipendenti di … se stessi), quel che invece è ammissibile nelle sas dove l’accomandatario può infatti anche essere un lavoratore subordinato della società, perché agirebbe sotto la direzione del socio accomandatario.
Ma sulla legittimità di una sas nel caso di una farmacia vinta con il concorso straordinario qualche perplessità è lecita, come più volte da noi segnalato, e del resto le Regioni (ma anche i Comuni) tendono a contrastare l’ipotesi della sas quale titolare della farmacia.

* * *

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 21 Luglio 2016 17:14

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.