Fidelity card farmacia, è necessario regolamento?

Fidelity card farmacia, è necessario regolamento?

0
0

Vorrei fidelizzare il cliente facendo una tessera a punti, visto che le farmacie accanto lo fanno, facendo in tipografia delle tessere e apponendo un timbro ogni 10 euro di spesa.
La domanda è: occorre un regolamento? Se sì, potete mandarlo voi? Poi vorrei dare in merce il 5%: va bene come promozione?

Marcato come spam
Chiesta: 24 Marzo 2016 21:53
999 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Dal 21 agosto 2014 queste iniziative sono state facilitate.
Infatti, a seguito delle modifiche operate dall’art. 22-bis, comma 1, del D.L. 24 giugno 2014, n. 91 (come modificato con la legge di conversione 11 agosto 2014, n. 116), è stata inserita nell’art. 6 del D.P.R. 430/2001 (“Regolamento sui concorsi e sulle operazioni a premio”) una nuova ipotesi di attività promozionale esclusa dal novero delle manifestazioni a premi, e precisamente “le manifestazioni nelle quali, a fronte di una determinata spesa, con o senza soglia d’ingresso, i premi sono costituiti da buoni da utilizzare su una spesa successiva nel medesimo punto vendita che ha emesso detti buoni o in un altro punto vendita facente parte della stessa insegna o ditta”.
Pertanto, queste attività promozionali – che interessano prevalentemente la grande distribuzione ma che si rivelano efficaci anche per i piccoli esercizi commerciali come le farmacie – possono essere intraprese senza dover affrontare tutta la burocrazia insita in una vera e propria “manifestazione a premi” (che non è di poco conto, come è vero che sono nate società specializzate nel prestare proprio questo tipo di assistenza).
Non è quindi necessaria alcuna autorizzazione o regolamento; sarà sufficiente che l’iniziativa riguardi tutti i clienti della farmacia e che naturalmente non ricomprenda i farmaci (anche SOP e OTC), essendo infatti ancora vigente l’art. 5, comma 2, del Decreto Bersani (D.L. 223/2006 convertito in L. 248/2006) per il quale “Sono, comunque, vietati i concorsi, le operazioni a premio e le vendite sotto costo aventi ad oggetto farmaci.”, un divieto in cui potrebbero “incappare” anche operazioni di questo genere pur se non costituiscono tecnicamente, come abbiamo visto, “manifestazioni a premi”.
Per venire al suo ultimo dubbio, l’esperienza ci suggerisce che uno sconto appetibile non possa scendere al di sotto del 10-15%, e dunque il monte-punti dovrebbe essere modulato di conseguenza, stabilendo, ad esempio, 1 punto per ogni 10 euro di spesa – come viene indicato nel quesito – e il diritto a un bonus di 15 euro al raggiungimento di 10 punti, documentato dalla tessera consegnata all’avvio della promozione.
Un’ultima notazione.
Ai fini della privacy è necessario raccogliere il consenso informato di coloro che ricevono la tessera a punti e dei quali la farmacia detiene i principali dati personali, e a questo scopo potrà forse essere utile il fac-simile allegato.
Non devono, però, essere conservate informazioni idonee a tracciare il c.d. “profilo di consumo” del cliente (tipologia e qualità dei beni e servizi acquistati, frequenza di acquisto, ecc.), dato che questo richiederebbe una notificazione al Garante della privacy e non la semplice acquisizione del consenso informato (art. 37, comma 1, lett. d) D.Lgs. 196/2003).
(stefano civitareale)

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 24 Marzo 2016 21:54

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.