In società di farmacisti può esserci socio non lavoratore?

In società di farmacisti può esserci socio non lavoratore?

0
0

Siamo quattro farmacisti associati che hanno vinto una sede in Puglia. Uno dei soci, per motivi personali,non vuole partecipare attivamente alla gestione della farmacia, in altre parole, vuole starsene a casa, non partecipare alla spartizione degli utili, ma in cambio vorrebbe una somma fissa, mensile o annuale che sia. Posto che la società verrebbe costituita su base paritaria, come prescrive la legge, vorremmo sapere se una tale situazione è attuabile e soprattutto legale. Se non fosse possibile, in che modo potremmo arrivare ad un accordo di questo genere?

Marcato come spam
Chiesta: 23 Marzo 2017 10:37
952 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Per non perdere la farmacia occorre che alche il socio “riluttante” accetti di fare parte della società. Il resto, a condizione che non sia lui il direttore, può essere concordato con patti parasociali con l’assistenza di un avvocato o di un notaio. Certamente però gli utili della società, ammesso che ce ne siano nei primi anni, gli verranno attribuiti e su questi il socio avrà i relativi obblighi fiscali.

Cordiali saluti.

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 23 Marzo 2017 10:38

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.