Indennità di avviamento farmacia: ne ha diritto anche il gestore provvisorio?

Indennità di avviamento farmacia: ne ha diritto anche il gestore provvisorio?

0
0

Sono assegnataria di sede farmaceutica – con ultimo interpello concorso straordinario – che è stata gestita in modalità provvisoria per dieci anni. L’indennità di avviamento è comunque dovuta anche se la farmacia è nata in questa modalità?

Marcato come spam
Domanda del 8 Marzo 2023
128 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 11 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

1
Domanda Privata

L’Art. 110 del Tullss prevede che l’autorizzazione all’esercizio della farmacia comporta l’obbligo per l’assegnatario di corrispondere al precedente titolare o ai suoi eredi un’indennità di avviamento in misura corrispondente a tre annate del reddito medio imponibile della farmacia accertato agli effetti dell’Irpef e a rilevare gli arredi, le provviste e le dotazioni attinenti all’esercizio farmaceutico (indennità avviamento). L’Art. 110 – e l’Art. 17 della L. 475/68 – prevede che oltre il titolare uscente, o i suoi eredi, anche il gestore provvisorio medio tempore intervenuto o i suoi eredi ne abbiano diritto.

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Marino Mascheroni
Risposta del 8 Marzo 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.