La “chiamata urgente” vale anche per i farmaci veterinari per altri animali non di compagnia?

La “chiamata urgente” vale anche per i farmaci veterinari per altri animali non di compagnia?

1
0

Per “chiamata urgente” si intende anche la richiesta di un farmaco veterinario, se munito di ricetta? Non solo cani o gatti, ma anche cavalli, pecore e mucche: il farmacista deve essere reperibile al posto del veterinario, per dispensare di notte farmaci anche per altri animali (non di compagnia)?

Marcato come spam
Chiesta: 30 Giugno 2022 17:04
72 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Nella Tariffa Nazionalde dei Medicinali del 2017 e succ. mod., l'art. 9, c. 1 riporta:
Per la dispensazione di uno o più dei medicinali  di  cui  agli articoli 2, comma 1 e 3, comma  1,  lettere  a)  e  b),  del  decreto legislativo 24 aprile  2006,  n.  219,  e  successive  modificazioni, nonché dei medicinali veterinari di cui agli articoli  2,  comma  1, 10, comma 1, lettera c), e 11,  comma  1,  lettera  c),  del  decreto legislativo 6  aprile  2006,  n.  193,  e  successive  modificazioni, effettuata durante le ore notturne, dopo la chiusura serale,  secondo gli orari stabiliti dalla competente autorità sanitaria,  spetta  un diritto addizionale

Il concetto di "urgente" non è codificato nella Tariffa, ma è contenuto in delibere Regionali quando si parla di dispensazione di un farmaco a carico Ssn (quindi umano) al fine di addebitare il costo del diritto addizionale alla AUSL. A titolo di esempio, alcune delibere riportano come "urgente" una ricetta SSN redatta da una guardia medica o Pronto Soccorso o sulla quale sia apposto dal medico il timbro/scritta "urgente".

Tutto ciò detto, permane nella memoria il concetto di "il farmacista può rispondere alle chiamate durante il turno solo se sono urgenti". Tale intendimento non esiste più, certamente superato dall'approvazione della nuova tariffa dei medicinali nel 2017 che ha previsto esplicitamente anche la dispensazione di medicinali veterinaria sia non DPA (cani, gatti, ecc...) che DPA (es. pecore, mucche, ...) e riconoscendone il diritto addizionale, indipendentemente dall'urgenza o men

Marcato come spam
Pubblicato da Marco Ternelli
Risposta: 30 Giugno 2022 17:05

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.