Le materie prime farmacia si possono vendere al pubblico?

Le materie prime farmacia si possono vendere al pubblico?

Categoria:
16
0

Spesso capita di ricevere richieste dai clienti per la vendita di materie prime non proprio di uso comune. Un conto sono i classici acido citrico, la vitamina C o l’ammonio bicarbonato. Ma si può vendere ad esempio alcool isopropilico per uso domestico? Si può vendere il borace per fare cosmetici in casa? Si può vendere il glicole propilenico per fare il liquido della sigaretta elettronica?
Le NBP non lo prevedono, quindi quale norma ne regola la vendita? Quali si possono vendere e quali no?

Marcato come spam
Domanda del 25 Gennaio 2017
2738 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

11
Domanda Privata

Solamente quelle non API (Active Pharmaceutical Ingredient) vale a dire i principi attivi per uso farmaceutico, i quali devono necessariamente essere ripartiti e composti in forme farmaceutiche (capsule, cartine, compresse) su Ricetta Medica.

Possono essere vendute le sostanze per uso tecnico (conservanti, coloranti, antiossidanti, additivi alimentari) che però vanno confezionate in contenitori differenti da quelli originari, con etichetta che riporti data di ripartizione, data di scadenza, intestazione della farmacia ecc…

Marcato come spam
Pubblicato da Niccolo Cucciolla
Risposta del 25 Gennaio 2017

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.