Maggiorazione punteggio farmacisti rurali, quale ratio?

Maggiorazione punteggio farmacisti rurali, quale ratio?

0
0

La norma di cui all’art. 9 della L. 221/1968 che attribuisce in un Concorso farmaceutico la maggiorazione del 40% del punteggio dell’esercizio professionale per i Farmacisti rurali, entro e non oltre 6.5 punti totali è francamente incomprensibile, al di là del fatto se tale punteggio supplementare sia confinato o meno entro i 35 punti, massimo previsto per i Titoli di carriera, attualmente dibattuto, dopo la sentenza recente del C.D.S. Infatti, essendo la matematica non opinabile, una maggiorazione del 40% corrispondente a 6.5 punti, si conseguirebbe al raggiungimento di 16.25 punti (6.5/0.4 = 16.25 punti), corrispondenti a 6,5 anni di servizio come Titolari rurali (2.5 punti x anno) oppure 7,2 anni come Collaboratore rurale (2.25 punti x anno). Ma se l’esercizio professionale si calcola per un periodo di attività non superiore ai venti anni e complessivamente non inferiore ad un anno, la domanda è: qual è la ratio per cui si applica la maggiorazione punteggio farmacisti rurali solo per una quantità di anni inferiori al massimo valutabile?

Marcato come spam
Chiesta: 13 Ottobre 2016 23:16
494 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Purtroppo il legislatore, quando nel 1991 ha completamente modificato il sistema concorsuale con il successivo DPCM 298/94, non ha tenuto conto che la maggiorazione per ruralità prevista dall’art. 9 della 221/68 corrispondeva al punteggio massimo per attività professionale che ogni commissario poteva attribuire, e cioè 6,5 punti che, per 5, faceva 32,5. Con il regolamento del 1994 invece tale punteggio massimo fu aumentato fino a 7 punti, dimenticando il punteggio per la maggiorazione. L’interpretazione che viene oggi data (ma che io non condivido) è che il punteggio della maggiorazione, pari a 6,5, non è per singolo commissario ma in totale. Ma allora perché 6,5 e non 6 o 7??
Ora però tutti i bandi, sia del concorso straordinario che dei concorsi ordinari banditi negli ultimi anni, hanno previsto l’insuperabilità del tetto dei 35 punti (commissari 5 x 7 punti = 35) e quindi la sentenza del consiglio di stato getta un colpo di spugna al concorso per il quale è stato chiamato in causa (ordinario in Sardegna nel 2009). Ora si è in attesa di quale scelta il Governo vorrà farsi carico. La situazione è al momento molto difficile perché in alcune regioni le graduatore sono bloccate a causa di questo problema. Io personalmente credo che ci vorrebbe una e di interpretazione autentica. E’ di oggi la notizia che il Ministero della salute chiederà il parere dell’Avvocatura della stato.

Cordiali saluti.

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 13 Ottobre 2016 23:17

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.