Ottico optometrista farmacia, può controllare la vista e vendere occhiali?

Ottico optometrista farmacia, può controllare la vista e vendere occhiali?

1
0

E’ possibile per l’attività avere un ottico optometrista farmacia e di conseguenza controllare la vista e vendere occhiali per disturbi quali miopia, ipermetropia e astigmatismo, sfruttando la liberalizzazione della legge regionale 6 del 2006 con relativa estensione di licenza per commercio???

Marcato come spam
Chiesta: 15 Febbraio 2016 13:42
1378 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Ribadiamo che, ai sensi dell’articolo unico, comma 1 e 2, del decreto del Ministero della Salute del 23/7/1998, “la vendita diretta al pubblico di occhiali e lenti su misura, protettive e correttive dei difetti visivi, è, per motivi di interesse sanitario e di tutela della salute, riservata agli esercenti l’arte sanitaria ausiliaria di ottico.”
Conseguentemente, “La vendita deve essere effettuata dall’esercente l’arte sanitaria ausiliaria di ottico, direttamente o sotto il suo diretto controllo”.
Ci pare pertanto che la specifica richiesta di autorizzazione commerciale, da inoltrare ai sensi dell’art. 5 del D.Lgs. 114/98, dovrà riguardare inevitabilmente questo tipo di attività, e dovrà essere effettuata dalla farmacia sia pure indicando – anche nelle necessarie comunicazioni alla CCIAA competente – l’ottico ingaggiato come “preposto” all’attività stessa.

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 23 Febbraio 2016 13:28
1
Domanda Privata

Nella sostanza, al pari di altri Suoi colleghi, Lei intende dunque aprire nella sua farmacia un “corner” di ottica.
Ebbene, ai sensi dell’articolo unico, comma 1 e 2, del decreto del Ministero della Salute del 23/7/1998, “la vendita diretta al pubblico di occhiali e lenti su misura, protettive e correttive dei difetti visivi, è, per motivi di interesse sanitario e di tutela della salute, riservata agli esercenti l’arte sanitaria ausiliaria di ottico. La vendita deve essere effettuata dall’esercente l’arte sanitaria ausiliaria di ottico, direttamente o sotto il suo diretto controllo”.
Conseguentemente, l’apertura di un corner ottico in farmacia prevede per l’appunto “l’ingaggio” di questa figura professionale, essendo consentito alle farmacie senza l’assistenza diretta dell’ottico la sola vendita di “…occhiali premontati, con produzione di tipo industriale, per la correzione del difetto semplice della presbiopia…”, peraltro con le specifiche tecniche e con gli accorgimenti prescritti sempre dal richiamato decreto (art. unico, comma 3 e seguenti).
D’altro canto, la presenza dell’ottico in farmacia, in quanto professionista sanitario non prescrittore, non dovrebbe porre grandi problemi neppure ai fini dell’art. 102 del T.U.L.S., ferma evidentemente la necessità di disciplinare le prestazioni rese (e/o le cessioni di beni effettuate) dall’ottico alla clientela per conto e nell’interesse della farmacia.
Per venire ora al nocciolo del quesito, non rientrando la vendita di tali articoli tra quelli elencati nella tabella merceologica speciale per titolari di farmacia (all. 9, D.Min.Ind. n. 375/1998), sarà necessaria una specifica autorizzazione commerciale (art. 5 D.lgs. 114/98) – oggi SCIA – del comune competente, ovvero un ampliamento di quella già rilasciata alla farmacia a meno che, come Lei stesso avverte, la Regione competente – che non siamo riusciti a identificare – non abbia introdotto una qualche forma di semplificazione/liberalizzazione.

* * *

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 15 Febbraio 2016 13:42

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.