Possiamo aprire un dispensario farmaceutico stagionale in località balneare?

Possiamo aprire un dispensario farmaceutico stagionale in località balneare?

Categoria:
0
0

Siamo una società di farmacisti da poco tempo sita in città al centro storico vicino alla zona portuale e intorno abbiamo una forte concentrazione di farmacie.
A circa un paio di km incomincia la zona balneare con lunghissima spiaggia che nei mesi estivi si trasforma in una zone ad altissima densità di popolazione tanto è che l’ASP apre periodicamente la guardia medica.
Vorremmo aprire un dispensario (preferibilmente prefabbricato/chiosco) chiaramente senza agevolare la concorrenza.
Mi spiego meglio: non vorrei che l’idea una volta avviata sia strappata da altri che potrebbero avere più requisiti di noi; come ad esempio la vicinanza al sito balneare.

Marcato come spam
Chiesta: 8 Maggio 2017 19:37
953 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Dal quesito parrebbe che il comune in cui è ubicata la Sua farmacia abbia una popolazione superiore a 12.500 abitanti e, se così è, l’unico presidio farmaceutico istituibile e destinato a funzionare per un periodo dell’anno è costituito dalla farmacia succursale o stagionale.
L’autorizzazione all’esercizio e alla gestione di una farmacia succursale è però conferita, ai sensi degli artt. 116 e segg. del T.U.LL.SS., all’esito di un “mini” concorso tra i titolari delle farmacie della provincia e dunque tutti costoro, ai fini dell’affidamento, vengono posti sullo stesso piano.
Il timore che Lei esprime in ordine all’eventualità di essere escluso dall’affidamento del presidio, evidentemente infondato nel caso della farmacia succursale, diventerebbe invece reale nell’ipotesi in cui la Regione propendesse per l’istituzione di un dispensario stagionale, legittima laddove la popolazione complessiva del comune fosse inferiore a 12.500 abitanti (art. 1, comma 5, della L. 221/68, come sostituito dall’art. 6 della L. 362/91).
Il dispensario stagionale è infatti affidato – proprio come il dispensario ordinario – a una farmacia della zona con preferenza [perciò la vicinanza non è l’unico criterio per l’individuazione dell’esercizio affidatario] per quella più vicina alla località da servire, che però non sembra essere quella di cui Lei è titolare.

Sarà comunque la Regione a scegliere se istituire o non istituire nella zona da Lei indicata un presidio stagionale (si tratta di un provvedimento che è naturalmente discrezionale), perché oltretutto non è sicuro, da quel poco che rileviamo, che ne ricorrano i presupposti.
E nel caso in cui optasse per questa soluzione, dovrà trattarsi obbligatoriamente – con popolazione del comune superiore a 12.500 – di una farmacia succursale, ovvero – con popolazione inferiore – la Regione potrà propendere tanto per quest’ultima come per il dispensario stagionale.

* * *

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 8 Maggio 2017 19:37

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.