Posso aprire farmacia concorso straordinario in centro commerciale?

Posso aprire farmacia concorso straordinario in centro commerciale?

2
0

Dentro la pianta organica di una farmacia del concorso straordinario e’ compreso un grosso centro commerciale , posso aprire la sede farmaceutica li’ dentro oppure questa facoltà è riservata ai comuni, più avanti con il loro diritto di prelazione in base alla legge cresci Italia che riservava lo straordinario solo ai farmacisti privati e in seguito avrebbe concesso sedi nelle stazioni aeroporti e centri commerciali ai soli comuni?

Marcato come spam
Chiesta: 30 Agosto 2017 0:14
2494 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

4
Domanda Privata

La risposta al quesito deve ritenersi senz’altro affermativa, perlomeno sin quando non sia istituita – un’ipotesi che, come diremo subito, resterà soltanto una mera … ipotesi – una farmacia aggiuntiva proprio nel centro commerciale.
Soltanto sulle farmacie aggiuntive (istituite nei porti, aeroporti, centri commerciali, ecc.), infatti, il comune può esercitare il diritto di prelazione, e sempreché naturalmente sia osservata la distanza minima dalle altre farmacie prevista dall’art. 11 del dl Crescitalia e che, per i centri commerciali, è di 1.500 metri.
Ma se, come parrebbe Sua intenzione, Lei trasferirà l’esercizio nella struttura – e, sia ben chiaro, l’autorizzazione allo spostamento non potrà esserLe negata – l’istituzione nel centro commerciale della paventata farmacia aggiuntiva ne risulterà definitivamente impedita.
Curiosamente, è proprio di questi giorni la sentenza del Tar Valle D’Aosta (n. 44 del 20 luglio 2017) che conferma indirettamente quanto Le abbiamo appena detto e che qui ad ogni buon fine Le alleghiamo.

Con i migliori saluti.
Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 30 Agosto 2017 0:14
2
Domanda Privata

La risposta al quesito deve ritenersi senz’altro affermativa, perlomeno sin quando non sia istituita – un’ipotesi che, come diremo subito, resterà soltanto una mera … ipotesi – una farmacia aggiuntiva proprio nel centro commerciale.
Soltanto sulle farmacie aggiuntive (istituite nei porti, aeroporti, centri commerciali, ecc.), infatti, il comune può esercitare il diritto di prelazione, e sempreché naturalmente sia osservata la distanza minima dalle altre farmacie prevista dall’art. 11 del dl Crescitalia e che, per i centri commerciali, è di 1.500 metri.
Ma se, come parrebbe Sua intenzione, Lei trasferirà l’esercizio nella struttura – e, sia ben chiaro, l’autorizzazione allo spostamento non potrà esserLe negata – l’istituzione nel centro commerciale della paventata farmacia aggiuntiva ne risulterà definitivamente impedita.
Curiosamente, è proprio di questi giorni la sentenza del Tar Valle D’Aosta (n. 44 del 20 luglio 2017) che conferma indirettamente quanto Le abbiamo appena detto e che qui ad ogni buon fine Le alleghiamo.

Con i migliori saluti.
Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 30 Agosto 2017 0:14

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.