Riassorbimento farmacia rurale soprannumeraria, come si può avere l’atteso trasferimento?

Riassorbimento farmacia rurale soprannumeraria, come si può avere l’atteso trasferimento?

Categoria:
0
0

Vorrei avere delucidazioni in merito ad un atteso riassorbimento di una farmacia rurale sussidiata che ad oggi non è ancora avvenuto.
Il comune in questione conta 7500 abitanti, una farmacia demografica ed una rurale sussidiata istituita con il criterio topografico circa 30 anni fa. La farmacia demografica si trova in una vallata (4500 abitanti) che dista circa 8 km dal piccolo centro storico, mentre la farmacia in questione si trova nel suddetto centro storico che conta circa 500 abitanti.
Il centro storico negli anni ha ridotto drasticamente il numero di abitanti in favore di una vallata diversa da quella in cui è presente l’altra farmacia demografica (a 20 km di distanza). La zona di nuovo insediamento conta circa 2000 abitanti e confina con un paese in cui esiste già una farmacia che dista circa 2 km dalla suddetta zona di nuovo insediamento abitativo.
In seguito alla richiesta di riassorbimento/trasferimento effettuata nel 2013 (in seguito al decreto Monti) il comune si è pronunciato semplicemente spiegando che “IL TRASFERIMENTO NON E’ POSSIBILE IN QUANTO LA FARMACIA E’ STATA ISTITUITA CON IL CRITERIO TOPOGRAFICO”. Il Comune non ha mai proceduto alla revisione della pianta organica, nemmeno nel momento di verificare la necessità di nuove farmacie per il CONCORSO STRAORDINARIO.
Premetto che la farmacia in questione si trova in Abruzzo e che nel 2013 abbiamo presentato ricorso contro la decisione del Comune. Secondo lei come si potrebbe ottenere il tanto atteso trasferimento? E come prevede che il TAR orienti la sua decisione alla luce della attuale normativa e delle varie sentenze che ho avuto modo di leggere?

Marcato come spam
Chiesta: 11 Dicembre 2015 18:42
889 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Le ragioni che il Comune adduce a sostegno del provvedimento di rigetto della domanda di trasferimento della farmacia è forse un po’ “criptica”, ma sembra in realtà esprimere in termini tutto sommato non equivoci l’assunto secondo cui lo spostamento può avvenire soltanto all’interno della sede di pertinenza, sempreché però la nuova ubicazione sia ritenuta dal Comune idonea sul piano generale a soddisfare le famose “esigenze dell’assistenza farmaceutica” (considerate con riferimento sia alla specifica porzione territoriale relativa alla sede stessa che alla popolazione complessiva, residente e “fluttuante”, dell’intero territorio comunale), ma anche corrispondente alle finalità indicate dall’art. 11 del d.l. Crescitalia della maggiore e/o migliore capillarità del complessivo servizio farmaceutico locale e della necessità di “assicurare un’equa distribuzione sul territorio” delle farmacie “tenendo altresì conto dell’esigenza di garantire l’accessibilità del servizio anche a quei cittadini residenti in aree scarsamente abitate”.
E, soprattutto guardando proprio a quest’ultimo precetto legislativo, parrebbe in questo caso che l’amministrazione non voglia per così dire “abbandonare” sotto tale profilo quei 500 abitanti del centro storico.
Siamo evidentemente nella pienezza della sfera discrezionale attribuita all’amministrazione comunale e questo può rendere complicato – specie quando il provvedimento abbia dato conto anche sommariamente della scelta operata – contrastarla in termini adeguati.
In ogni caso, dal punto di vista strettamente giuridico, pur rivelandosi certo fondata la richiesta di riassorbire la Sua sede nel criterio demografico, più che limitarsi a produrre una mera istanza di trasferimento dell’esercizio Lei avrebbe dovuto soprattutto – e se del caso all’interno dell’istanza – richiedere al comune che, in sede di approvazione della revisione ordinaria biennale della p.o., fossero riconfigurate (proprio tenendo conto della “promozione” della Sua sede da soprannumeraria a numeraria o, se si preferisce, da “topografica” in “demografica”) ambedue le circoscrizioni, includendo naturalmente in quella di Sua pertinenza anche la zona ove vorrebbe trasferire la farmacia.
Ma anche se Lei avesse percorso questo iter non è detto affatto, attenzione, che il Comune avrebbe senz’altro accolto l’istanza di spostamento, perché la salvaguardia dell’assistenza farmaceutica degli abitanti del centro storico avrebbe potuto o potrebbe anche in tale evenienza costituire un ostacolo di non agevole superamento.
Quanto alla previsione circa la decisione del TAR, non possiamo essere neppure qui molto ottimisti, specie guardando ad un precedente del CdS che, in una vicenda sostanzialmente sovrapponibile alla Sua, ha ritenuto non censurabile la decisione comunale.

* * *
Con i migliori saluti.
Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 11 Dicembre 2015 18:43

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.