Socia di SNC di rurale sussidiata: è equiparabile alla titolarità nel concorso straordinario?

Socia di SNC di rurale sussidiata: è equiparabile alla titolarità nel concorso straordinario?

1
0

Mia figlia, farmacista, ha partecipato con altra collega al concorso straordinario e di cui sono in attesa dell’interpello. Lo scorso anno la collega ha aquistato con altra
farmacista una farmacia rurale sussidiata con una quota del 50% di una snc.
Ora, in caso di assegnazione di una sede, salvo errori, dovrebbe cedere la sua quota
perché incompatibile con la posizione di titolare, gestore, direttore, ecc., ma l’art.
7 comma 8 della L.392/91 prevede che “il trasferimento della titolarità dell’esercizio di farmacia è consentito solo dopo 3 anni”. Per quanto sopra il solo fatto di essere socio di una snc è equiparabile alla “titolarià” di cui alla L. 362/91? In questo caso come ci si deve comportare?

Marcato come spam
Chiesta: 18 Novembre 2015 17:45
346 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Avendo la collega di Sua figlia acquistato una quota di snc titolare di farmacia rurale sussidiata, l’associazione formata tra loro e partecipe al concorso per la gestione associata non é incappata in una causa di esclusione dal concorso e/o dalla graduatoria, neppure ove l’acquisto fosse stato operato prima della pubblicazione di quest’ultima.
Ora, premesso che una quota sociale é cedibile anche cento volte in un anno (non operando in tale evenienza il limite del triennio, che riguarda infatti le sole farmacie condotte in forma individuale, e mai le quote sociali), sta di fatto nel Vs. caso che le due co-vincitrici potranno legittimamente formare la società che dovrà rendersi titolare della farmacia loro eventualmente assegnata in sede concorsuale.
La collega di Sua figlia non sarà infatti tenuta a liberarsi della quota medio tempore acquisita, perché, come noto, un farmacista può acquisire una partecipazione in un numero infinito di società titolari di farmacia (rurali o urbane che siano)e a questo principio – introdotto sostanzialmente dal dl Bersani del 2006 – non sembra aver contemplato alcuna deroga neppure l’art. 11 del dl Crescitalia, nonostante il contrario avviso espresso dal Ministero della Salute nella famosa nota del 2012 sulla “contitolarità” .

Con i migliori saluti.
Studio Associato Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 18 Novembre 2015 17:46

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.