Società di farmacisti, quale è la forma più adatta?

Società di farmacisti, quale è la forma più adatta?

Categoria:
0
0

Siamo in prossimità di istituire una società di farmacisti con rispettive quote(30-30-40) e vorremmo sapere quale società è più adatta considerando che tutti e tre i soci dovremmo risultare dipendenti; inoltre come ci dobbiamo regolare per nominare l’amministratore, cioè se può essere uno di noi o uno esterno.

Marcato come spam
Chiesta: 2 Maggio 2016 12:06
370 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Le società di persone, con riferimento al settore farmaceutico, possono essere formate, ai sensi dell’Art. 7, comma 1, legge 362/1991, da:

– Società in nome collettivo S.N.C.
– Società in accomandita S.A.S.
– Società cooperative a responsabilità limitata

Le società sopra descritte devono essere sempre costituite tra farmacisti iscritti all’albo con i requisiti di idoneità.

Ritengo che per il caso sottopostomi la soluzione più idonea sia la S.N.C., in quanto tutti i soci congiuntamente o disgiuntamente tra loro amministrano e tutti i soci sono legali rappresentanti della società, anche se l’atto costitutivo/statuto può prevedere che l’amministrazione e/o la rappresentanza spetti soltanto ad uno o a più soci e non a tutti.

I soci della farmacia vengono considerati dipendenti soltanto se ricevono un compenso per l’attività svolta; nel caso in cui si riceva soltanto gli utili dell’impresa farmacia, il socio non rientra nel gruppo dei dipendenti.

Marcato come spam
Pubblicato da Patrizia Coffaro
Risposta: 2 Maggio 2016 12:12

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.