Socio erede di farmacia, cosa accadrebbe se venisse a mancare genitore?

Socio erede di farmacia, cosa accadrebbe se venisse a mancare genitore?

0
0

Siamo 3 soci, vincitori di sede, uno di noi è figlio di titolare di farmacia, nonché unico erede. Se nel corso della gestione associata, venisse a mancare il genitore, cosa ne sarebbe della farmacia? Cioè il figlio se vincolato alla società, la perderebbe per le incompatibilità che sussisterebbero? O potrebbe fare decadere la società?

Marcato come spam
Chiesta: 8 Febbraio 2017 19:09
195 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Non mi dice in quale regione ma il ragionamento dovrebbe valere per tutte. Escluderei la regione Emilia-Romagna dove, con una delibera oggi ancora sub judice del TAR, l’intestazione delle sedi vinte viene fatta in cotitolarità e quindi incompatibile con la titolarità di un’altra farmacia o con la posizione di socio (essendo titolare assimilato al titolare unico). In tutti gli altri casi dove la sede vinta viene intestata ad una società, niente vieta che la farmacia ereditata venga trasferita ad una società dove il figlio del dante causa (già socio della farmacia vinta) può detenere anche il 99,9% del capitale sociale. In questo caso però occorre un socio, anche di minoranza.

Cordialmente

Maurizio Cini

Marcato come spam
Pubblicato da Prof. Maurizio Cini
Risposta: 8 Febbraio 2017 19:10

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.