Tariffazione ricette farmacia, è giusto affidarla a terzi?

Tariffazione ricette farmacia, è giusto affidarla a terzi?

0
0

Volevo chiederVi se è giusto affidare la tariffazione ricette farmacia a terzi oppure riportarle in farmacia, abbattendo forse costi gestione ora alti (circa 800 euro lordi)? Questa domanda , non a caso , nasce dal mio dubbio : con la ricetta bianca, il lavoro dei tariffatori terzi sarà inferiore? sicuramente il margine di errore da parte del farmacista nella spedizione è azzerato, o quasi. e quindi se non si dovesse avere possibilità di tariffare le ricette all’interno della propria farmacia, per lo meno, si potrebbe negoziare un prezzo inferiore? Attendo una vostra gentile risposta, e porgo distinti saluti.

Marcato come spam
Chiesta: 6 Novembre 2016 12:42
994 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Gent.mo Dottore,

buongiorno e ben trovato.

Vengo subito al Suo urgente quesito, e posso proporLe questa ricostruzione dell’annosa faccenda “Tariffazione a terzi : sì o no” in questi termini. Negli scorsi anni avevamo assistito al passaggio, da parte di Suoi colleghi, alla tariffazione “esterna” anche in considerazione del fatto che sul mercato si erano presentati soggetti, dai più semplici (ditte individuali) a i più complessi (aziende più strutturate) che si sono presentate come un valido sostituto del farmacista in una attività che assorbiva tempo e risorse. Inoltre le cose andavano bene nel settore e il costo (da circa 0,07 a circa 0,10 € a ricetta) sembrava accettabile ed interessante, a fronte di un discarico dagli adempimenti di tariffazione.

Successivamente le cose sono cambiate, e ad oggi, in pieno regime di distribuzione per conto, webcare e soprattutto ricetta dematerializzata, la situazione si è capovolta, comportando che sia, anche per altre ragioni, conveniente riportare la tariffazione in casa. Inoltre non ci risulta che il costo del servizio sia stato proporzionalmente adeguato alla nuova realtà ed inoltre un paio di ditte di tariffazione interpellate per effettuare una sorta di sondaggio per rispondere al Suo quesito non hanno manifestato una vera intenzione di rivedere a ribasso quanto richiedono ai loro clienti.

Ad ogni modo, Lei proceda pure a richiedere una nuova quotazione alla ditta che attualmente la assiste e veda e valuti. Consideri comunque di valutare anche l’ipotesi di internalizzare il servizio e di provvedere in proprio.

Confidando nell’utilità della presente risposta, Le auguro un meraviglioso proseguimento.

Cordiali saluti

Silvia Di Domenico

Dottore Commercialista

Marcato come spam
Pubblicato da Silvia Di Domenico
Risposta: 6 Novembre 2016 12:43

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.