Collaborazione farmacista senza Partita IVA: è possibile?

Collaborazione farmacista senza Partita IVA: è possibile?

Categoria:
0
0

Da cinque anni lavoro come direttore tecnico farmacista, inquadrata come socio lavoratore, presso un magazzino farmaceutico. Dall’aprile di quest’anno mi è stato fatto un contratto full time di 39 ore settimanali. Esiste un modo per lavorare, nelle restanti ore della giornata o occasionalmente, come farmacista presso una parafarmacia, senza aprire partita iva? Qualora aprissi la partita Iva sarebbe possibile farlo con regime forfettario? in quest’ultima ipotesi, il contributo Enpaf sarebbe comunque intero?

Marcato come spam
Chiesta: 22 Ottobre 2022 22:13
202 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di un mese fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

È bene specificare che per sua natura il contratto di prestazione occasionale non è applicabile a professionisti che sono obbligati all’iscrizione presso gli Albi professionali di categoria, come lo sono i farmacisti. Qualora, infatti si volesse svolgere altra attività oltre a quella di lavoro dipendente, sarebbe necessario svolgerla in qualità di titolare di partita IVA.

Nel caso in esame sarebbe necessario aprire la partita IVA e sarebbe consigliato aprirla utilizzando il regime forfettario a condizione che:
• I compensi siano inferiori ai 65.000 € annui
• non si superino 20.000 € annui di spese per lavoro dipendente
• non si abbiano redditi da lavoro dipendente superiori a 30.000 € con riferimento all’anno precedente a quello in cui si apre la partita IVA

Infine, il contributo Enpaf sarebbe intero in quanto, a norma del regolamento della Cassa Previdenziale, “non hanno diritto ad alcuna riduzione gli iscritti che svolgano attività professionale in relazione alla quale non siano soggetti ad altra previdenza obbligatoria oltre a quella dell’Enpaf: attività svolta in regime di collaborazione coordinata e continuativa o con apertura di partita IVA, borse di studio non assoggettate all’obbligo della contribuzione alla Gestione Separata INPS”.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 22 Ottobre 2022 22:14

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.