Contratto parafarmacia, di chi è la responsabilità se titolare è non farmacista?

Contratto parafarmacia, di chi è la responsabilità se titolare è non farmacista?

1
0

Sono una farmacista a cui è stato proposto un contratto in una parafarmacia con qualifica di farmacista collaboratore 1° livello secondo il CCNL farmacie. Essendo l’unica farmacista presente dato che il titolare non è farmacista, è giusto che io abbia un contratto di farmacista collaboratore? E la comunicazione che il titolare farà alla ASL sarà di farmacista responsabile tenendo conto che sono l’unica farmacista presente? Quali sono le mie responsabilità in parafarmacia visto che da contratto sono collaboratore ma nella comunicazione alla Asl sarei responsabile?

Marcato come spam
Chiesta: 13 Marzo 2017 19:13
2866 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

4
Domanda Privata

Gentile Dottoressa,
ben trovata.
Il CCNL Farmacie Private recita all’art.1 (sfera di applicazione) che “….disciplina in maniera unitaria, per tutto il territorio nazionale, i rapporti di lavoro tra i farmacisti titolari di farmacie private o altri esercenti autorizzati delle stesse a norma delle vigenti disposizioni di legge ed il relativo personale dipendente laureato e non laureato in farmacia. Quanto sopra in funzione del fatto che l’esercizio farmaceutico, pur continuando a rappresentare lo strumento operativo per l’esercizio della professione di farmacista, viene indicato quale mezzo unitario per realizzare gli obiettivi del Servizio sanitario nazionale per quanto concerne la dispensazione del farmaco.”
Nella realtà pratica delle parafarmacie risulta applicato anche il CCNL Commercio.
Venendo alla parte importante del Suo quesito, vale a dire inquadramento da un lato e responsabilità dall’altro, qualora fosse Farmacista Responsabile, andrebbe effettuata la comunicazione alla Asl e sarebbero a Lei ascritti gli obblighi di farmacovigilanza, nonché la responsabilità nella gestione del reparto, delle attività di vendita e di conservazione dei medicinali.
L’inquadramento, quindi, dovrebbe essere l’1S (1° Livello Super).
Confidando di esserLe stata utile, Le auguro i migliori auguri di un felice proseguimento.

Cordiali saluti
Silvia Di Domenico
Dottore Commercialista
Revisore Legale

Marcato come spam
Pubblicato da Silvia Di Domenico
Risposta: 13 Marzo 2017 19:14

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.