Contributo di solidarietà Enpaf è possibile con nuova assunzione dopo dimissioni?

Contributo di solidarietà Enpaf è possibile con nuova assunzione dopo dimissioni?

0
0

Pago il contributo di solidarietà all’Enpaf ma, se dovessi dare le dimissioni e cambiare farmacia, potrei continuare a pagarlo? Dovrei fare una nuova comunicazione all’Enpaf o sarebbe tutto automatico?

Marcato come spam
Domanda del 25 Ottobre 2023
269 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 7 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Il regolamento previdenziale Enpaf stabilisce che c’è la facoltà di chiedere di versare il contributo di solidarietà in luogo della contribuzione previdenziale versando obbligatoriamente anche quello per la gestione assistenza e per l’indennità di maternità. L’istanza all’Enpaf è accolta a condizione che i redditi provenienti dall’attività professionale siano soggetti all’assicurazione generale obbligatoria ovvero ad altra previdenza obbligatoria e che non si abbiano redditi professionali esenti da contribuzione previdenziale.

Nella fattispecie indicata nel quesito nulla cambia in relazione alla tipologia di reddito percepito, in quanto si rimane comunque percettori di reddito da lavoro dipendente il quale è soggetto a contribuzione presso assicurazione generale obbligatoria (Inps).

Nessuna comunicazione deve essere effettuata all’Enpaf per il cambio di datore di lavoro.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 25 Ottobre 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.