Creditore pignoratizio non farmacista, è regolare?

Creditore pignoratizio non farmacista, è regolare?

Categoria:
3
0

Società tra farmacisti con contratto infruttifero pubblico con pegno quote verso creditore pignoratizio non farmacista è regolare?

Marcato come spam
Chiesta: 25 Ottobre 2016 20:06
175 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

1
Domanda Privata

Le perplessità su un’operazione come quella da Voi descritta si appuntano non tanto sulla possibilità di costituire un diritto di pegno su una quota di società di persone – cosa ormai, almeno in linea di principio, riconosciuta – quanto sulla figura del creditore pignoratizio che (a meno che non sia anche lui un farmacista) non avrebbe titolo per detenere la quota stessa in caso di assegnazione in luogo del pagamento del credito garantito ai sensi dell’art. 2798 c.c.
Questo, tuttavia, non è l’unico aspetto delicato della vicenda, sulla quale comunque abbiamo dedicato non molto tempo fa un approfondimento (v. Sediva News del 15 dicembre 2015- “Il pegno su quote di società titolari di farmacia” – QUESITO) che alleghiamo alla presente e cui pertanto Vi rimandiamo, tenuto conto della sua indubbia attualità.

https://espertorisponde.farmaciavirtuale.it/domande/quote-societa-farmacia-possono-essere-date-in-pegno-ad-una-banca/

Con i migliori saluti.

Studio Associato
Bacigalupo-Lucidi

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 25 Ottobre 2016 20:08

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.