È possibile lavorare come farmacista sono nel week-end?

È possibile lavorare come farmacista sono nel week-end?

0
0

Sono un giovane laureato in CTF, attualmente impiegato full-time presso un’azienda farmaceutica. Ho superato l’esame di stato, ma non sono ancora iscritto all’ordine. Il mio lavoro mi piace e non ho al momento intenzione di lavorare come farmacista full-time, tuttavia vorrei poter lavorare nei week-end in qualche farmacia per arrotondare lo stipendio. Quali step dovrei seguire, oltre iscrivermi all’Ordine e aprire partita IVA? Inoltre, quali contributi dovrò versare ad Enpaf: la quota intera o potrò versare una quota ridotta? Esistono altre forme di assunzione in farmacia che non prevedano l’iscrizione all’albo (come stage o tirocini post-laurea) che potrei sfruttare in un primo momento per riprendere familiarità con la professione?

Marcato come spam
Chiesta: 1 Luglio 2022 16:45
155 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Come correttamente riportato nel quesito, per svolgere l’attività professionale di farmacista è obbligatorio iscriversi all’Ordine professionale della provincia di residenza.

Ai fini previdenziali, non si ha diritto alla riduzione del contributo Enpaf in quanto l’attività che si vorrebbe svolgere per “arrotondare lo stipendio” si svolgerebbe in regime di lavoro autonomo e, quindi, i compensi che ne deriverebbero non sarebbero soggetti ad altra previdenza obbligatoria, fatto salvo l’eventuale obbligo di iscrizione alla gestione separata INPS.

In riferimento ad altre forme di assunzione si specifica che gli stagisti non hanno diritto alla retribuzione ma solo ad un rimborso spese mentre il tirocinio post-laurea ha una durata limitata, deve essere svolto sulla base di una convenzione (con progetto formativo) e viene retribuito con una indennità.

Nella fattispecie prospettata si consiglia l’apertura di partita IVA (con le eventuali agevolazioni fiscali in essere) a condizione che i compensi riconosciuti giustifichino una contribuzione previdenziale intera.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 1 Luglio 2022 16:46

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.