Estetista in farmacia può lavorare come dipendente?

Estetista in farmacia può lavorare come dipendente?

0
0

L’estetista in farmacia può essere assunta come dipendente con contratto di lavoro subordinato o deve necessariamente avviare un rapporto di collaborazione?

Marcato come spam
Domanda del 5 Luglio 2023
294 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 7 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Si premette che l’apertura di una cabina estetica in farmacia è subordinata alla presentazione preventiva di una segnalazione certificata inizio attività al Comune territorialmente competente, nel rispetto dei requisiti igienico-sanitari dei locali, dell’idoneità delle attrezzature e dell’osservanza delle norme di sicurezza obbligatorie.

L’erogazione del servizio affidato all’estetista può essere strutturato in diversi modi:

– l’estetista emetterà fattura direttamente al cliente riconoscendo una percentuale alla farmacia; in questo caso l’estetista dovrà essere in possesso della partita Iva;

– la farmacia incassa dal cliente il corrispettivo della prestazione riconoscendo il compenso concordato all’estetista; in questo caso dovrà essere sottoscritto un contratto di collaborazione tra la farmacia e l’estetista;

– la farmacia incassa dal cliente il corrispettivo della prestazione sottoscrivendo con l’estetista un contratto di lavoro subordinato formalizzando, così, una regolare assunzione come dipendente, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 5 Luglio 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.