Farmacista che fa supplenza in istituto, devo pagare l’Enpaf?

Farmacista che fa supplenza in istituto, devo pagare l’Enpaf?

0
0

Sono attualmente disoccupata e, seppur remota, c’è la possibilità che mi chiamino per una supplenza dalle graduatorie di Istituto.

Essendo io iscritta all’Ordine e avendo richiesto di poter pagare il contributo di solidarietà vista la disoccupazione, se dovessi accettare la supplenza mi ritroverei a dover pagare l’Enpaf per intero?

Marcato come spam
Chiesta: 2 Marzo 2022 19:01
87 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 8 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Sulla base di quanto disposto dal regolamento Enpaf, si ha diritto alla riduzione del contributo in caso di situazione di disoccupazione involontaria. La misura del contributo può essere ridotta del 33%, del 50% o dell’85%.

Nel caso in cui si dovesse svolgere attività professionale non legata al farmaco, si può aver diritto alla riduzione del 50% del contributo Enpaf qualora tale attività si dovesse svolgere per almeno sei mesi e un giorno nell’arco di un anno.

Se, invece, l’attività professionale non legata al farmaco si dovesse svolgere per meno di sei mesi e un giorno, la situazione prevalente sarebbe quella di disoccupazione e, pertanto, si avrebbe diritto alla riduzione fino all’85%.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 2 Marzo 2022 19:01

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.