Farmacista collaboratore, datore di lavoro può obbligare turno domenicale se non di turno?

Farmacista collaboratore, datore di lavoro può obbligare turno domenicale se non di turno?

0
0

Io e i miei colleghi siamo assunti con contratto collettivo nazionale farmacie private presso una farmacia aperta 24 ore su 24 tutti i giorni. Secondo contratto il lavoratore è tenuto a lavorare la domenica solo se la farmacia è di turno. Vorrei sapere nel nostro caso per le domeniche non di turno se il datore di lavoro può pretendere o obbligare al lavoro domenicale. Perché ad una nostra non disponibilità ha deciso di assegnare le domeniche lavorative d’ufficio senza chiedere consenso a nessun lavoratore.

Marcato come spam
Chiesta: 4 Gennaio 2016 23:34
3322 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Come previsto dal contratto collettivo nazionale per i dipendenti da farmacia privata, al lavoratore spetta un riposo settimanale di 24 ore consecutive da fruire, normalmente ma non necessariamente, la domenica. Quando nella giornata della domenica (o nella giornata stabilita per il riposo settimanale) la farmacia deve rimanere aperta al pubblico per turno stabilito dalle Autorità, il lavoratore è tenuto, se richiesto, a prestare normale servizio. In questo caso, egli ha diritto di godere del riposo compensativo in altra giornata della settimana per 24 ore consecutive e inoltre a percepire un compenso pari al 13% di un 173° della normale retribuzione mensile per ogni ora di lavoro prestata, entro il limite di otto.

In sintesi, dunque, il farmacista, se il titolare lo richiede, non può rifiutarsi di lavorare la domenica in cui la farmacia è di turno; tuttavia egli ha diritto a 24 ore di riposo compensativo in un altro giorno della settimana e ad una maggiorazione retributiva del 13% per ogni ora lavorata la domenica.

Qualora il contratto individuale preveda l'esclusione del lavoro nelle domeniche non di turno, il datore non può violare tale obbligo senza il consenso del lavoratore a meno che non sussistano ragioni organizzative. In ogni caso il lavoratore ha diritto alla giornata di riposo compensativo durante la settimana.

Distinti saluti.

Avv. Maria Monteleone

Marcato come spam
Pubblicato da Avv. Maria Monteleone
Risposta: 4 Gennaio 2016 23:36

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.