Farmacista collaboratore e turno notturno, come integro con part-time diurno?

Farmacista collaboratore e turno notturno, come integro con part-time diurno?

0
0

Lavoro in farmacia come farmacista collaboratore con un contratto di lavoro part time a 20 ore settimanali. Mi è stato proposto di effettuare alcuni turni notturni – 3/4 circa a settimana 1 o 2 volte al mese in base alle turnazioni comunali – vorrei sapere come integrare questi eventuali turni notturni con il mio orario di lavoro diurno. Mi spiego meglio, se ad esempio faccio 10 ore di notturno, devo/posso sottrarre 10 ore al mio conteggio settimanale? Come si contano le ore di notturno? Se invece volessi aggiungere questi turni notturni al mio lavoro diurno, come potrei integrarlo? Quanto mi spetterebbe e di riposo dopo aver fatto un turno notturno? Voglio specificare che dove lavoro, il turno notturno si svolge dalle 20.00 alle 9.00.

Marcato come spam
Chiesta: 29 Gennaio 2016 12:22
769 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Ai fini del computo del servizio notturno nel lavoro part-time, vi sono due alternative:

a) far rientrare il lavoro notturno nelle ore di lavoro part-time: in questo caso il numero di ore complessivo (20 ore settimanali) resta invariato e cambia solo la collocazione temporale (notturna anziché diurna);

b) aggiungere le ore di servizio notturno a quelle diurne: in questo caso le ore di servizio notturno vengono considerate a titolo di lavoro supplementare e non devono comunque superare il limite delle 40 ore settimanali. Secondo il CCNL Farmacie le ore di lavoro supplementare svolte durante il servizio notturno devono essere compensate con le sole maggiorazioni del 40%. Tali maggiorazioni sono forfettarie ed onnicomprensive e devono essere calcolate sulla quota oraria della retribuzione.

È bene concordare per iscritto con il datore di lavoro la modalità scelta e definire come verrà considerato il lavoro notturno.

Il lavoratore che svolge servizio notturno ha diritto al riposo compensativo nel giorno successivo. La legge prevede il diritto ad un riposo di 11 ore consecutive tra un turno e l’altro.

Distinti saluti.

Avv. Maria Monteleone

Marcato come spam
Pubblicato da Avv. Maria Monteleone
Risposta: 29 Gennaio 2016 12:22

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.