Farmacista consulente forense: quali contributi versare con partita IVA?

Farmacista consulente forense: quali contributi versare con partita IVA?

0
0

Sono una neolaureata in Ctf a Bologna. Vorrei lavorare come libera professionista nell’ambito della consulenza forense e sostenere l’esame di stato per poi iscrivermi all’Ordine dei farmacisti. In quanto libera professionista con partita IVA, quali sarebbero i contributi previdenziali da versare ogni anno?

Marcato come spam
Domanda del 17 Febbraio 2023
145 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di un anno fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

L’esercizio dell’attività professionale in regime libero professionale, con apertura di partita IVA, comporta il pagamento della quota contributiva intera in quanto non si è obbligati a una contribuzione previdenziale ulteriore rispetto a quella Enpaf.

La contribuzione per l’anno 2022 – la contribuzione 2023 non è stata ancora resa nota – è disponibile sul sito Enpaf.it.

All’atto di iscrizione, saranno dovuti euro 52,00 (una tantum).

La contribuzione doppia o tripla è facoltativa.

Per completezza di informazione si segnala che tutta la contribuzione previdenziale obbligatoria e facoltativa – in caso di versamento della quota doppia o tripla –, è integralmente deducibile dal reddito imponibile ai fini Irpef relativo all’anno in cui la contribuzione è stata versata.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 17 Febbraio 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.