Farmacista deve evadere ricetta “urgente” di farmaco fascia C?

Farmacista deve evadere ricetta “urgente” di farmaco fascia C?

0
0

Un paziente chiama una farmacia reperibile su chiamata per una prescrizione di guardia medica con un farmaco di fascia C, ad esempio a base di Neomicina (neomicina solfato) e Bacitracina, in aggiunta a fermenti lattici, con l’apposita dicitura “urgente”. Il farmacista deve evadere tale richiesta? Deve chiedere il diritto di chiamata al cliente?

Marcato come spam
Domanda del 23 Novembre 2023
299 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 3 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

In base alla Tariffa dei Medicinali aggiornata con Dm 22 settembre 2017, in particolare all’Art. 9 c. 1, viene stabilito un diritto addizionale di 7,50 euro per le farmacie urbane a fronte della necessità di dispensare farmaci ad uso umano (e veterinario) senza distinzione tra Sop o con ricetta medica o se in fascia C o a carico Ssn: se è prescritto dalla guardia medica va dispensato.

Quindi il farmacista deve evadere la richiesta e può chiedere il diritto addizionale poichè il servizio è a chiamata (Art. 9 c. 3 della Tariffa Nazionale: "I diritti addizionali di cui ai commi 1 e 2 sono dovuti soltanto quando la farmacia effettua servizio a «battenti chiusi» o «a chiamata»").

Marcato come spam
Pubblicato da Marco Ternelli
Risposta del 23 Novembre 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.