Farmacista e insegnante: posso pagare contributo di solidarietà?

Farmacista e insegnante: posso pagare contributo di solidarietà?

0
0

Sono farmacista. A dicembre 2022 sono stata assunta con contratto full time come insegnante fino ad agosto 2023. Mi trovo ora costretta a pagare 2.200 euro di Enpaf in quanto esercito attività lavorativa non legata al farmaco. Potrei pagare solo il contributo di solidarietà all’Enpaf e non la quota di 2.200 euro?

Marcato come spam
Chiesta: 10 Gennaio 2023 19:12
150 viste
0
Domanda Privata

Il regolamento previdenziale Enpaf stabilisce che si ha diritto alla riduzione del contributo obbligatorio annuo se il farmacista non esercita la professione, a condizione che il non esercizio della professione di farmacista si protragga per almeno sei mesi e un giorno nell’arco dell’anno.

Tenuto conto che lei svolgerà l’attività di insegnamento fino al mese di agosto 2023 (quindi per più di sei mesi e un giorno nell’anno), potrà presentare, entro il 30 settembre 2023, domanda di riduzione del contributo per l’anno 2023.

A sua scelta la riduzione potrà essere richiesta del 33,33% o del 50,00%.

Ovviamente, se si sceglie di versare il contributo in misura ridotta, si otterrà una prestazione pensionistica proporzionalmente ridotta.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 10 Gennaio 2023 19:17

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.