Farmacista in gravidanza, posso chiedere indennizzo all’Enpaf?

Farmacista in gravidanza, posso chiedere indennizzo all’Enpaf?

2
0

Sono in gravidanza e devo chiedere l’indennizzo di maternità all’Enpaf in quanto sono quasi alla 27 settimana di gestazione che sarà il 14 aprile p.v. Pero’ mi hanno proposto un contratto a tempo determinato dal 1 maggio 2017 e quindi andrò in maternità anche per l’INPS. Posso chiedere l’indennizzo all’Enpaf visto che al 14 aprile non sarò ancora una dipendente a contratto, ma lo diventerò solo dal 1 maggio? (data da cui sarò in maternità a carico dell’INPS)

Marcato come spam
Chiesta: 1 Aprile 2017 15:28
3682 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Gentile Dottoressa,
ben trovata.
Occorre premettere che l’Enpaf non corrisponde l’indennità di maternità qualora sia erogata per il medesimo vento da altro Ente previdenziale (es. Inps).
Inoltre la Sua situazione si presenta come particolare e servono una serie di dati per chiarire in capo a chi risulti l’obbligo di corrispondere l’indennità di cui parla.
Le ricordo, intanto, che la materia è regolata dal D.Lgs. 151/2001, che detta norme ed indicazioni anche in riferimento ai diritti della lavoratrice madre alla conservazione del posto di lavoro e in riferimento all’astensione dal lavoro stesso.
Il periodo obbligatorio di astensione è fissato in 5 mesi, che sono in genere articolati in due prima del parto e tre dopo; è comunque possibile, se le condizioni della lavoratrice e il tipo di lavoro lo consentano, optare per un mese prima e quattro mesi dopo.
Mettendo da parte per un momento la questione Enpaf, accettando il lavoro a tempo determinato dal 1 Maggio 2017, potrebbe andare in maternità Inps o da metà Maggio circa (due mesi prima del parto) o da metà Giugno. L’indennità di maternità Inps corrisponderebbe all’80% della retribuzione, sarebbe anticipata dal datore di lavoro con obbligo di integrazione al 100% della retribuzione relativamente a festività e Tredicesima.
Venendo alla situazione nei confronti dell’Ente di previdenza dei farmacisti, occorre ragionare su una serie di aspetti per capire in quali casi spetti l’indennità di maternità.
In caso di precedente rapporto di lavoro subordinato cessato da meno di 60gg dall’inizio del congedo di maternità, l’ente obbligato è l’Inps. Se è invece cessato da più di 60gg, occorre sapere se la lavoratrice sta usufruendo di indennità di disoccupazione (ASPI 2016-NASPI dal 2017) oppure no. Nel primo caso, si avrà diritto all’indennità giornaliera di maternità Inps, che di fatto sostituisce quella di disoccupazione. Nel secondo caso, l’ente obbligato è l’Enpaf.
Qualora, invece, la Sua situazione precedente ha riguardato la Gestione Commercianti o la Gestione Separata Inps (con contribuzione massima), l’ente obbligato è di nuovo l’Inps, mentre tornerebbe in ballo l’Enpaf in caso di iscrizione a Gestione Separata con contribuzione ridotta.
Come vede cara Dottoressa la situazione è complessa : probabilmente la scelta andrebbe fatta, nei casi in cui è prevista, ragionando sulla misura del trattamento economico effettivamente percepibile, il cui calcolo non è nelle mie attuali possibilità.
Confidando di esserLe stata utile, Le auguro un meraviglioso proseguimento di settimana.

Cordiali saluti

Silvia Di Domenico
Dottore Commercialista
Revisore Legale

Marcato come spam
Pubblicato da Silvia Di Domenico
Risposta: 1 Aprile 2017 15:29

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.