Farmacista in gravidanza: quali modalità per comunicarlo al titolare?

Farmacista in gravidanza: quali modalità per comunicarlo al titolare?

0
0

Sto pensando di avere una gravidanza e piuttosto che fare scelte che possano compromettere l’operatività della farmacia in cui lavoro, vorrei comunicarlo per tempo alla titolare in modo da darle tempo per poter organizzare il team, vista anche la carenza di farmacisti.

In che modo gestire questo tipo di comunicazione? Nel senso, posso eventualmente comunicarglielo anche in uno stato di non gravidanza, in vista di una gravidanza? Come va fatta la comunicazione? Per le “vie brevi” oppure per raccomandata?

Marcato come spam
Domanda del 9 Maggio 2024
118 viste
0
Domanda Privata

La normativa relativa alla maternità non prevede un momento specifico in cui comunicare la gravidanza al datore di lavoro. In linea di massima si aspetta il compimento del primo trimestre ma, non essendoci alcun obbligo in termini di tempistica, in linea teorica si potrebbe dare la comunicazione dal momento in cui si risulta in gravidanza fino anche qualche giorno prima dell’inizio del congedo obbligatorio.

La comunicazione va data inizialmente a voce per poi effettuare una comunicazione per iscritto.

La decisione di comunicare al datore di lavoro anche la sola intenzione di avere una gravidanza fa parte delle scelte personali dettate dalla correttezza e limpidezza nel rapporto di lavoro.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 9 Maggio 2024

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.