Farmacista notturnista: è possibile con Partita Iva?

Farmacista notturnista: è possibile con Partita Iva?

0
0

È possibile impiegare un farmacista a Partita Iva per le prestazioni notturne, anche saltuarie? Se si quale è il compenso di riferimento?

Marcato come spam
Domanda del 7 Dicembre 2023
249 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 2 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Lo svolgimento della professione di farmacista in regime libero professionale, quindi con apertura della partita Iva, come noto è consentito e al quale non si applicano vincoli in termini di tipologia di orario da far svolgere al professionista avendo cura di indicarlo nella lettera di incarico previo accordo.

La retribuzione di un libero professionista è lasciata alla contrattazione tra le parti tuttavia, al fine di individuare un parametro di riferimento, possono essere prese in considerazione le tabelle retributive individuate dal Ccnl per i dipendenti da farmacia privata applicando, sia le maggiorazioni retributive previste per il lavoro notturno che la maggiorazione tipica di un rapporto di lavoro con minori tutele e maggiore flessibilità – in termini di continuità e durata del rapporto di lavoro – quale è quello del titolare di partita Iva.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 7 Dicembre 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.