Ferie e permessi non goduti: come ottenerli?

Ferie e permessi non goduti: come ottenerli?

2
0

Lavoro in farmacia come farmacista collaboratore e, allo stato attuale, ho 90 giorni di ferie e oltre 100 ore di permesso. Rientra nei miei diritti chiedere al datore di lavoro un piano strutturato per consumare questi accumuli?

Marcato come spam
Domanda del 15 Gennaio 2024
361 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Le ferie sono un diritto irrinunciabile dei lavoratori. Tale diritto è sancito dalla Costituzione e dalla legge, che prevede che un lavoratore ha diritto a 4 settimane di ferie e in particolare, sulla base del Ccnl dei dipendenti da farmacia privata, il lavoratore farmacista ha diritto a 26 giorni lavorativi di ferie l’anno.
Secondo i principi generali, il lavoratore dipendente deve utilizzare 2 settimane di ferie durante l’anno di maturazione mentre i giorni residui possono essere goduti entro i 18 mesi successivi (termine spostato a 24 mesi dal Ccnl citato).

Nella fattispecie indicata nel quesito, il farmacista sembra non aver fruito di giorni di ferie e permessi da oltre 3 anni.

A tale riguardo va innanzitutto specificato che le ferie restano a disposizione del dipendente ma ai fini contributivi è come se queste fossero state utilizzate, conseguentemente il datore di lavoro ha l’obbligo di versare i contributi previsti.

Come detto, le ferie non godute spettano ancora al lavoratore e, tenuto conto della tempistica di godimento sopra indicata (entro 24 mesi) e che l’ordinamento italiano vieta l’erogazione di una indennità a titolo di ferie non godute in costanza di rapporto di lavoro, il lavoratore potrà vedersi liquidata la somma corrispondente alle ferie maturate e non godute solo al momento della cessazione del rapporto di lavoro.

I permessi non fruiti nel corso dell’anno, invece, decadono e dovranno essere pagati al momento della scadenza oppure possono essere fruiti entro il 30 giugno dell’anno successivo alla maturazione.

Da quanto sopra ne deriva che per i 90 giorni di ferie maturati e non fruiti si potrà concordare un piano per i soli giorni di ferie maturati nei due anni precedenti, i restanti giorni saranno oggetto di liquidazione al momento di cessazione del rapporto di lavoro. Delle 100 ore di permesso accumulate, entro il 30 giugno prossimo, si potranno fruire le ore maturate nell’anno precedente, le restanti ore di permesso dovranno essere liquidate.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 15 Gennaio 2024

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.