IVA servizi in farmacia: quale applicare su tamponi e analisi di prima istanza?

IVA servizi in farmacia: quale applicare su tamponi e analisi di prima istanza?

5
0

La farmacia esegue tamponi – per streptococco e Covid – avvalendosi di infermieri e analisi di prima istanza – glicemia, profilo lipidico, ecc. – eseguite dai farmacisti: quale IVA va applicata nei due casi?

Marcato come spam
Domanda del 20 Febbraio 2023
1529 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di un anno fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Per rispondere al suo quesito occorre distinguere per bene i casi.

Quando si tratta di analisi di prima istanza – glicemia, profilo lipidico, misurazione arteriosa, ecc. – siamo nel campo di quelli che vengono definiti test di autocontrollo nella logica che siano effettuati in qualche modo direttamente dal cliente-paziente con il solo supporto-ausilio di personale sanitario, farmacista o infermiere che sia. Il trattamento IVA comporta l’applicazione dell’aliquota relativa alle prestazioni di servizio del 22%.

Quando passiamo alle prestazioni come Ecg, holter e simili, con utilizzo macchinari e attrezzature eventualmente anche da remoto, effettuate da personale sanitario, es. infermiere, siamo di fronte a prestazioni sanitarie per le quali è previsto il regime di esenzione IVA ex art. 10, comma 1, nr 18 Dpr 633/72.

Un discorso in più va infine fatto per quanto riguarda il Covid-19, per il quale è stata applicata una disciplina transitoria durante il periodo emergenziale venuta meno dall’1.01.2023.

In base al Dl 34/2020 è stato introdotto un regime di esenzione specifico – si trattava in realtà di un’IVA ad aliquota 0% – che riguardava anche le cessioni di Dpi – es. guanti e mascherine. A partire dal 2021 e per tutto il 2022 per i Dpi è stato previsto il passaggio all’IVA ridotta con aliquota 5%, mentre nel caso dei tamponi è stato mantenuto il regime di esenzione Covid.

Dal 2023 occorre distinguere tra cessione e servizio.

Nel caso in cui si stia parlando della sola cessione del tampone, che verrà poi effettuato in completa autonomia dal paziente o da chi per lui a casa, siamo di fronte a una cessione di strumentazione diagnostica Covid-19, con applicazione dell’IVA con l’aliquota del 5% prevista dalla Tabella A, parte II-bis, nr 1-ter allegata al Dpr 633/1972.

Nel caso invece di servizio di tampone antigenico per la diagnosi Covid-19 svolto direttamente in farmacia con l’assistenza di personale sanitario, dall’1.1.2023, trattandosi, come detto in precedenza, di prestazioni sanitarie, è applicabile il regime di esenzione previsto dall’art. 10 Dpr IVA già citato, con la conseguenza che sarà applicata la parte della normativa IVA che riguarda il c.d. pro-rata e che potrà comportare l’indetraibilità parziale dell’imposta sul valore aggiunto assolta sugli acquisti in proporzione all’incidenza sul fatturato di quello esente.

Marcato come spam
Pubblicato da Silvia Di Domenico
Risposta del 20 Febbraio 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.