Lavoro farmacista, posso sforare le 40 ore settimanali?

Lavoro farmacista, posso sforare le 40 ore settimanali?

0
0

Vorrei qualche chiarimento sull’orario massimo di lavoro e su quello medio settimanale che non mi è ben chiaro.
Ma in ogni caso, se avessi un contratto a tempo determinato a chiamata con due datori di lavoro e a fini fiscali fossi a posto con le detrazioni e con i vari pagamenti, e se inoltre ci fosse accordo tra le parti sotto ogni aspetto, che problemi potrebbero sorgere nel caso in cui si sforasse il tetto delle 40 ore settimanali?

Marcato come spam
Chiesta: 6 Aprile 2016 13:07
630 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 5 anni fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

La funzione primaria di un orario massimo di lavoro settimanale è naturalmente quella della tutela della salute del lavoratore.
È bensì la contrattazione collettiva a dover determinare e disciplinare l’orario di lavoro settimanale, che tuttavia non può comunque superare le 48 ore, comprensive di quelle di lavoro straordinario.
Per il calcolo delle ore settimanali lavorate non si deve tener conto di quelle svolte nella singola settimana, perché bisogna aver riguardo al numero di ore lavorate mediamente nell’arco di 4 mesi.
Per il calcolo dell’”orario medio” – appunto all’interno dei 4 mesi – è quindi possibile che all’interno di una settimana lavorativa siano prestate più di 40 ore e in quella successiva meno di 40 ore, ed è appunto la “media” delle ore effettivamente svolte nei 4 mesi a dover coincidere con il numero 40.
Questi limiti, si badi bene, si devono applicare anche ai lavoratori titolari di più rapporti di lavoro.
A tale proposito, tuttavia, il Min. Lavoro pone a carico del lavoratore l’onere di comunicare all’azienda l’orario in cui può prestare l’attività lavorativa, sempre nel rispetto dei limiti sopraindicati.
Attualmente non sono previste sanzioni per chi ha più rapporti di lavoro, ma qualche problema, e non solo di carattere pratico, potrebbe sorgere evidentemente nel caso in cui un lavoratore “plurioccupato” incappasse in un infortunio ritenuto magari (dal giudice) riconducibile proprio all’eccessiva attività lavorativa prestata.

(luisa santilli)

Marcato come spam
Pubblicato da Studio Bacigalupo Lucidi
Risposta: 6 Aprile 2016 13:07

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.