Lavoro prevalente non farmacista: possibile il contributo solidarietà Enpaf?

Lavoro prevalente non farmacista: possibile il contributo solidarietà Enpaf?

0
0

Può una farmacista che svolge un altro lavoro non da farmacista (prevalente) iscriversi all’Ordine e pagare il contributo di solidarietà se qualche volta esercita in farmacia in regime di partita Iva?

Marcato come spam
Domanda del 26 Aprile 2024
124 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di un mese fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

La riduzione contributiva Enpaf con pagamento del solo contributo di solidarietà è consentita solo a determinate categorie di farmacisti. In particolare possono versare il contributo di solidarietà i farmacisti che:

• Esercitano l’attività professionale in regime di lavoro dipendente purché non abbiano ulteriori redditi professionali, in questo caso si può versare il 3% del contributo interno stabilito
• Siano disoccupati temporanei e involontari. In questo caso si può versare l’1% del contributo intero stabilito per un massimo di cinque anni.

Nell’ipotesi prevista nel quesito, quindi, non è consentita la riduzione della contribuzione dovendosi versare il contributo intero.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 26 Aprile 2024

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.