Partita IVA farmacista e lavoro dipendente: obbligo Gestione Separata?

Partita IVA farmacista e lavoro dipendente: obbligo Gestione Separata?

0
0

Ho attualmente un lavoro a tempo pieno presso un negozio totalmente estraneo al settore farmaceutico, ma che non voglio lasciare. Vorrei sapere se è possibile aprire una partita IVA e lavorare in farmacia nelle ore restanti della settimana.

In tal caso – so che pagherei l’Enpaf per intero – dovrei comunque iscrivermi anche alla gestione separata Inps, avendo due impieghi di cui uno da dipendente e uno con partita IVA? Inoltre, sussiste un limite massimo di monte orario?

Marcato come spam
Chiesta: 24 Novembre 2022 17:27
116 viste
0
Domanda Privata

Sulla base della normativa, vige l’obbligo di iscrizione alla gestione separata Inps, per i lavoratori autonomi non iscritti ad altra forma previdenziale, i lavoratori parasubordinati e in alcuni casi chi effettua attività di lavoro autonomo occasionale.

In particolare, nella fattispecie indicata nel quesito, è consentito aprire la partita IVA per svolgere l’attività di farmacista in regime di lavoro autonomo. Inoltre, come correttamente indicato, tenuto conto che si è assoggettati all’intera contribuzione ai fini Enpaf, non si è soggetti ad altra contribuzione previdenziale così realizzandosi una doppia contribuzione previdenziale (Inps su lavoro dipendente e Enpaf su lavoro autonomo).

Non c’è, infine, una previsione normativa circa il limite massimo di ore di lavoro.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 24 Novembre 2022 17:37

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.