Previdenza complementare farmacista: quali sono i principali fondi disponibili?

Previdenza complementare farmacista: quali sono i principali fondi disponibili?

1
0

Quali sono i principali fondi di previdenza complementare disponibili per il farmacista in Italia e quali criteri si dovrebbero considerare nella scelta?

Marcato come spam
Domanda del 30 Maggio 2023
397 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 10 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Il Fondo di previdenza complementare dedicato ai farmacisti è il FondoSanità “Fondo pensione complementare a capitalizzazione per gli esercenti le professioni sanitarie”.

I contributi versati al FondoSanità sono liberi e volontari, pertanto il singolo farmacista deciderà quanto e quando versare. L'entità dei versamenti, ovviamente, determinerà il livello della rendita pensionistica.

La scelta del comparto al quale aderire è funzione della propensione al rischio del singolo farmacista e, per questo, il Fondo è stato strutturato in tre comparti:

– Scudo: questo comparto è caratterizzato da un grado di rischio basso;

– Progressione: questo comparto è caratterizzato da un grado di rischio intermedio;

– Espansione: questo comparto è caratterizzato da un grado di rischio medio alto.

Tuttavia, è consentito non solo frazionare la contribuzione in più comparti tra quelli indicati ma anche modificare il comparto scelto per una sola volta ogni 12 mesi dall’ultima variazione.

Da un punto di vista fiscale i contributi versati sono deducibili dal reddito fino all’importo massimo di euro 5.164,57.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 30 Maggio 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.