Prima esperienza lavorativa come farmacista: quanto prenderei al netto?

Prima esperienza lavorativa come farmacista: quanto prenderei al netto?

0
0

Mi hanno proposto contratto professionalizzante di 1.400 euro per 36 ore.

Ma vorrei capire bene essendo la mia prima esperienza lavorativa quanto prenderei al netto?

E come funziona con enpaf varia in base allo stipendio?

Grazie mille

Marcato come spam
Chiesta: 21 Gennaio 2022 9:45
37 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 10 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Se per contratto professionalizzante si intende contratto di lavoro autonomo (quindi con apertura ti partita IVA) il calcolo che consente di quantificare il netto mensile cambia in base alla tipologia di regime fiscale scelto.

In linea di massima, in caso di apertura della partita IVA per la prima volta, si sceglie il regime forfettario al quale si applica l’aliquota sostitutiva del 5% (per i primi 5 anni – poi diventa del 15%) sul 78% dell’importo lordo annuo.

Per poter usufruire del regime forfettario:
• Non si devono percepire redditi di lavoro dipendente superiori a 30.000 euro annui;
• Non si devono sostenere spese per collaboratori e/o dipendenti per un importo superiore a 20.000 euro annui;
• Non si può godere di regimi speciali IVA;
• Non si può avere la residenza all’estero;
• Non si può fatturare più di 65.000 euro annui;
• Non si può avere partecipazioni in società di persone, associazioni, imprese familiari o associazioni in partecipazione;
• Non si può controllare direttamente o indirettamente una o più società a responsabilità limitata e fatturare per attività economica individuata alla stessa sezione ATECO.

Nella situazione prospettata il lordo è 1.400 euro mensili (16.800 euro annui in caso di 12 mensilità); l’imposta sostitutiva annua (per i primi 5 anni) è pari al 5% di 13.104 euro (16.800 X 78%) e quindi 655,20 euro annui.

L’imposta sostitutiva sostituisce l’IRPEF, le addizionali regionali e le addizionali comunali.

Nel caso di opzione del regime ordinario, non ci sono i vincoli sopra indicati e il calcolo sarà sulla base del reddito professionale netto (ricavi meno costi inerenti la professione) al quale si applicano gli scaglioni IRPEF in vigore. Andranno versate anche le addizionali regionali e comunali.

La contribuzione Enpaf non è calcolata sulla base dello stipendio (compenso) ma è forfettario (non è legato al reddito); in determinati casi è, tuttavia, consentita la presentazione della domanda di riduzione del contributo.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 21 Gennaio 2022 9:46

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.