Può il titolare obbligarmi a fare ore di permesso a sua discrezione?

Può il titolare obbligarmi a fare ore di permesso a sua discrezione?

0
0

Sono una farmacista dipendente part-time di una farmacia privata a tempo indeterminato, può il datore di lavoro obbligarmi a fare le ore di permesso a sua discrezione? Se poi non ne usufruisco è costretto a pagarle alla fine dell’anno? Quando non lavoro per 4 ore durante un giorno infrasettimanale sono scalate dalle ore di permesso o dalle ore di ferie?

Marcato come spam
Domanda del 9 Febbraio 2024
496 viste
0
Domanda Privata

A norma del Ccnl per i dipendenti da farmacia privata i permessi sono fruiti in periodi di minore attività e mediante rotazione del personale dipendente ma non devono essere oggetto di imposizione da parte del datore di lavoro.

È, tuttavia, probabile che lo stesso datore di lavoro imponga la fruizione dei permessi nel periodo di minor attività della farmacia così da non dover eventualmente negarle in altri periodi e quindi corrispondere nella retribuzione le ore di permesso maturate e non godute. I permessi non fruiti nell’anno di maturazione, infatti, devo essere retribuiti o fruiti entro il 30 giugno dell’anno successivo.

Infine, nella generalità dei casi, l’assenza di sole 4 ore è riferibile all’utilizzo di ore di permesso più che di ferie anche in considerazione di quanto previsto all’art. 29 del Ccnl citato il quale stabilisce che le ferie potranno essere frazionate in non più di due periodi.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 9 Febbraio 2024

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.