Reperibilità notturna farmacista: è un obbligo o atto volontario?

Reperibilità notturna farmacista: è un obbligo o atto volontario?

0
0

La reperibilità notturna è un obbligo da parte del farmacista oppure è da considerarsi un atto volontario? In altre parole, vi è la possibilità di opporsi alla necessità di fare un turno notturno in farmacia?

Marcato come spam
Chiesta: 4 Novembre 2022 15:44
894 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di un mese fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Nel caso in cui la farmacia espleti il servizio notturno, il farmacista è obbligato a svolgere il servizio richiesto.

Tale obbligo, tuttavia, è svolto tenendo conto del rispetto delle turnazioni dei dipendenti della farmacia e in considerazione di altri elementi, quali:

divieto di svolgimento del servizio notturno per le donne in stato di gravidanza e fino al compimento di un anno di età del bambino;

non sono tenuti allo svolgimento del servizio notturno la lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o il padre convivente;

la farmacista o il farmacista che sia l’unico genitore affidatario di un figlio convivente fino al compimento del dodicesimo anno di età;

la farmacista o il farmacista con a carico una persona disabile;

diritto all’astensione dal servizio notturno in caso di genitori separati o divorziati con figlio convivente di età inferiore ai 12 anni.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta: 4 Novembre 2022 16:07

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.