Reperibilità notturna farmacista rientra nelle ore settimanali previste?

Reperibilità notturna farmacista rientra nelle ore settimanali previste?

0
0

Sono un farmacista a tempo pieno, 40 ore. Vorrei sapere se le ore svolte in reperibilità notturna fuori dalla farmacia, con servizio a chiamata, dovrebbero essere considerate per il calcolo delle ore settimanali, che per legge non dovrebbero superare le 48.

Marcato come spam
Domanda del 13 Dicembre 2023
126 viste

Nota bene: La risposta a questo quesito è stata pubblicata più di 2 mesi fa. Le informazioni contenute potrebbero essere obsolete

0
Domanda Privata

Il Ccnl per i dipendenti da farmacia privata si occupa dell’argomento agli Articoli 18 e 22.

In particolare da un lato – Art. 18 – si stabilisce che la durata normale del lavoro è fissata in 40 ore settimanali distribuite su 5 giorni e mezzo e che, in ogni caso, l’orario di lavoro non può superare le 46 ore settimanali. Al contempo si stabilisce che, in considerazione della particolare funzione di servizio pubblico essenziale che la farmacia assolve a tutela della salute dei cittadini, esiste la possibilità di elevare a 48 ore settimanali per ogni periodo di 7 giorni.

L’Articolo 22 del citato Ccnl stabilisce che il lavoratore in caso di reperibilità fuori farmacia per un periodo non inferiore al mese ha diritto oltre ad un compenso del 10% della retribuzione di fatto mensile, anche un diritto fisso per ogni chiamata pari all’importo stabilito dalla T.N. In caso di reperibilità inferiore al mese il 10% va calcolato sulla quota oraria. La percentuale va elevata al 12% se la reperibilità coincide con la domenica o con la giornata di riposo settimanale.

La reperibilità, per consolidato orientamento giurisprudenziale, costituisce una obbligazione strumentale ed accessoria, qualitativamente diversa da quella lavorativa, che, pur comportando una limitazione della sfera individuale del lavoratore, non impedisce il recupero delle energie psicofisiche.

Ne discende come il turno di reperibilità vada ricompreso all’interno dell’orario lavorativo solo allorquando il lavoratore sia effettivamente chiamato ad effettuare la prestazione lavorativa.

Marcato come spam
Pubblicato da Francesco d'Alfonso
Risposta del 13 Dicembre 2023

Se non trovi risposte alla tua domanda nell'archivio domande
puoi inviare una domanda agli esperti.

Non perderti le nuove risposte pubblicate

Riceverai periodicamente le ultime risposte sugli argomenti trattati.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo il tuo indirizzo email per altre ragioni.